Trasporto illecito di rifiuti, denunciate tre persone

Sono stati sorpresi dai carabinieri forestale di Montalto Uffugo lungo la strada provinciale che collega il centro storico di San Martino di Finita (Cs) con la frazione Santa Maria le Grotte, a bordo di una utilitaria con del materiale ferroso frammisto a rame. Per tale motivo, un pregiudicato di 38 anni ed un sorvegliato speciale di 28 anni, sono stati denunciati nei giorni scorsi con l'accusa di trasporto senza autorizzazione di rifiuti pericolosi e non. 

In particolare, incrociato il veicolo dei militari, i due avrebbero cercato di eludere il controllo imboccando velocemente una strada secondaria, ma la brusca manovra non è passata inosservata ai forestali i quali, subito dopo, hanno rintracciato il mezzo in fuga presso l’abitazione di uno dei soggetti, rinvenendo il veicolo ancora carico di scarti ferrosi, parti meccaniche di veicoli fuori uso, tubature in rame, bronzo ed ottone, nonché molte latte in alluminio contenenti residui di vernici esauste e di solventi organici.

Gli uomini dell’Arma forestale, coadiuvati dalla locale stazione di Lattarico, hanno proceduto pertanto al sequestro dei rifiuti presenti sul veicolo risultato di proprietà di terze persone estranee alla vicenda. Nella circostanza oltre ai due pregiudicati, uno dei quali denunciato anche per violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale, perché gravato dalla misura dell’obbligo di dimora nel comune di Rota Greca, è stato deferito alla Procura della Repubblica di Cosenza, anche il titolare di una falegnameria del posto, resosi responsabile di aver ceduto rifiuti derivanti dalla lavorazione primaria della propria impresa, privi di caratterizzazione e qualsivoglia autorizzazione, volta a stabilire la tipologia è l’eventuale pericolosità degli stessi, i quali dovevano essere esclusivamente conferiti presso idoneo impianto di smaltimento/recupero.

  • Published in Cronaca

Picchia la compagna minacciandola di morte, misura cautelare per un 32enne

I carabinieri hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare di allontanamento d’urgenza dalla casa familiare e divieto di avvicinamento alla persona offesa, nei confronti di un 32enne di nazionalità nigeriana, già deferito in stato di libertà per maltrattamenti nei confronti della compagna di 27 anni.

Le attività investigative condotte dai militari della Stazione di Montalto Uffugo hanno consentito di ricostruire la drammatica situazione familiare in cui versava la donna a causa dei presunti comportamenti aggressivi e violenti del compagno, il quale sarebbe stato solito picchiarla e minacciarla di morte.

A dare il via a provvedimento è stata la segnalazione di un’insegnante della scuola dell’infanzia, la quale ha informato i carabinieri di aver visto evidenti tumefazioni sul volto della donna, madre della bambina che frequentava l’istituto scolastico.

I militari dell’Arma hanno quindi approfondito la segnalazione, scoprendo le presunte aggressioni subite dalla malcapitata, anche in presenza dei figli minori.

La donna si trova ora, insieme ai due figli, in una struttura protetta dedicata all’accoglienza delle vittime di violenza.

  • Published in Cronaca

Perseguita la donna che l'ha rifiutato: arrestato per stalking

I carabinieri della Compagnia di Rende, in esecuzione di un ordine di custodia cautelare ai domiciliari, hanno arrestato un 46enne, accusato di atti persecutori nei confronti di una donna.

La presunta vittima, dopo aver conosciuto l’uomo su un social network, lo aveva frequento per circa una settimana, ma al primo approccio gentile, erano seguite avances esplicite, rifiutate dalla donna.

Vistosi respinto, l'indagato, oltre a inviare messaggi e video minatori, avrebbe iniziato a tempestare di telefonate la donna che, in virtù del comportamento  persecutorio subito, sarebbe stata costretta a trasferirsi presso alcuni parenti. 

Le attività condotte dai militari della Stazione di Montalto Uffugo hanno consentito di sorprendere l’uomo, già sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno, fuori dalla propria abitazione, senza alcuna giustificazione e in violazione delle prescrizioni imposte dal provvedimento.

Pertanto, gli uomini dell'Arma, in seguito alla denuncia della donna e attraverso la visione delle telecamere, l'analisi dei tabulati e le testimonianze di chi ha assistito alle presunti vessazioni e alle minacce poste in essere, ha chiesto e ottenuto dall'autorità giudiziaria cosentina, un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti dell'uomo.  

 

 

 

 

  • Published in Cronaca

Trappola per catturare animali selvatici e munizioni da guerra, denunciata una pensionata

Una trappola per la cattura di animali selvatici è stata localizzata e sequestrata in un fondo agricolo in località “San Benedetto”, a Montalto Uffugo (Cs).

A operare il rinvenimento sono stati i carabinieri forestale della locale Stazione, che hanno identificato la proprietaria del terreno in una 70enne del posto, la quale, durante la successiva perquisizione cui sono state sottoposte la casa e alcune pertinenze, è stata trovata in possesso di alcune munizioni da guerra rinvenute in un deposito per gli attrezzi.

Pertanto, la pensionata è stata denunciata per esercizio di caccia con mezzi non consentiti, in periodo di divieto generale, tentato furto venatorio e detenzioni illegale di munizioni da guerra.

  • Published in Cronaca

Donna travolta e uccisa da un furgone, individuato il presunto pirata della strada

È stato individuato il presunto pirata della strada ritenuto responsabile di aver investito e ucciso intorno alle 18 di ieri, una ragazza di 26 anni. È un ragazzo di 21 anni D.B.A. residente a Montalto Uffugo (Cs) arrestato nella notte dai carabinieri della Compagnia di Rende con l’accusa di omicidio stradale e omissione di soccorso.

L'incidente è avvenuto in via Pietro Mascagni, a Montalto Uffugo, dove la giovane stava camminando sul ciglio della strada insieme al marito e alla sorella, quando è stata travolta da un mezzo. Il conducente, dopo lo scontro, si è dileguato senza prestare soccorso. Un passante ha segnalato ai Carabinieri il corpo della donna a terra, privo di sensi. I militari hanno quindi fatto scattare i soccorsi e la vittima, in gravissime condizioni, è stata trasportata in ospedale a Cosenza dove poi  è deceduta a causa delle lesioni riportate. In seguito all’accaduto gli uomini dell'Arma hanno avviato le indagini riuscendo a individuare il presunto pirata della strada. Sul luogo dell’incidente i carabinieri hanno rinvenuto anche frammenti del faro del furgone che ha travolto la giovane. I militari hanno quindi controllato a tappetto l'intera cittadina fino a quando non sono riusciti ad individuare un Iveco Daily, con danni al faro anteriore destro, compatibili con la dinamica dell’incidente e con quanto rinvenuto sul posto. I carabinieri hanno pertanto fermato il ragazzo che aveva in uso il mezzo, di proprietà di una società di servizi, al quale hanno chiesto di spiegare come il furgone si fosse danneggiato. Dopo i primi tentennamenti, il 21enne avrebbe ammesso le proprie responsabilità dichiarando di non essersi accorto di quanto accaduto e ritenendo di aver preso una buca. Al vaglio degli inquirenti anche l'analisi dei filmati delle telecamere di videosorveglianza pubblica e privata, presenti vicino al punto dove la donna è stata investita. La salma è a disposizione dell’autorità giudiziaria, mentre l’arrestato è ai domiciliari come disposto dalla Procura della Repubblica di Cosenza.

  • Published in Cronaca

Oltre 20 cani non dichiarati per custodire il gregge, multato un allevatore

I Carabinieri forestale della Stazione di Montalto Uffugo (Cs), congiuntamente a un veterinario dell’Asp di Cosenza, hanno eseguito una serie di controlli finalizzati a individuare eventuali aziende zootecniche che utilizzano cani per la sorveglianza delle greggi.

Uno dei controlli ha interessato un allevamento ovi-caprino in località “Manca Gallina” di Montalto Uffugo, dove un ragazzo del posto, aveva oltre 23 cani tra maremmani e meticci vari, utilizzati a protezione dell’allevamento. In seguito agli accertamenti del caso è emerso che gli animali non erano iscritti all'anagrafe canina obbligatoria per legge e non avevano il tatuaggio o il microchip identificativo.

Al titolare dell’allevamento è stata pertanto comminata una sanzione amministrativa di circa duemila euro. Il giovane, inoltre, dovrà provvedere alla registrazione dei cani e all’applicazione dei microchip. 

  • Published in Cronaca

Francesco Ciardullo è il nuovo responsabile di 'Rivolta ideale' a Montalto uffugo

«Si è tenuta nei giorni scorsi, presso la sede di Cosenza, una riunione organizzativa della nostra associazione “Rivolta Ideale”, che ha visto la partecipazione di numerosi iscritti e simpatizzanti di tutta la provincia, ed in particolare dell’area urbana di Cosenza. Rivolta Ideale”, associazione politico culturale nata nel 2014, affonda le proprie radici nei valori della destra sociale, nazionale e popolare, e si colloca nell'area culturale del centro destra. Nel corso della riunione si è provveduto a nominare, tra gli altri, Francesco Ciardullo responsabile di Montalto Uffugo. Ciardullo, giovane laureato in scienze dell’amministrazione, è da sempre presente e conosciuto sul territorio comunale e non solo, distintosi per il suo impegno nel sociale e nell’associazionismo, oltre ad essere un attento osservatore politico sia a livello comunale che regionale. Infaticabile animatore di tante iniziative sociali condotte negli ultimi anni a Montalto Uffugo, ma anche nell’area urbana, Francesco Ciardullo rappresenta ormai un punto di riferimento per tutta un’area che si richiama ai valori dell’associazionismo. Per tale ragione, il neo responsabile provvederà nei prossimi giorni a fissare una riunione per organizzare l’associazione “Rivolta Ideale” su Montalto Uffugo, incontrando anche i rappresentati di altre associazioni comunali per valutare sinergie di impegno sul territorio. 
 
Con la nomina di Francesco Ciardullo, per quello che lui ha rappresentato e rappresenta sul territorio, e grazie al suo impegno e alla sua passione, “Rivolta Ideale” si rafforza certamente in tutta l’Area Urbana di Cosenza. Lo accogliamo con grande gioia e soddisfazione. A Francesco, a nome di tutta “Rivolta Ideale”, rivolgo un caloroso benvenuto ed un augurio di buon lavoro».
 
E' quanto dichiara in una nota Michele Arnoni, presidente e fondatore dell’associazione politico culturale “Rivolta Ideale”.

 

Smaltimento illecito di reflui, sigilli allo scarico di un supermercato

Una condotta in pvc realizzata nel retro di un supermercato per smaltire sul suolo reflui del settore caseario e della macelleria interna, attraverso un pozzetto per la raccolta delle acque piovane.

E’ quanto hanno scoperto a Taverna di Montalto Uffugo i Carabinieri forestale della locale Stazione, in collaborazione con i colleghi di Cerzeto.

Inevitabile, quindi, il sequestrato dello scarico e della condotta sotterranea attraverso cui venivano convogliati i reflui.

Alla luce degli accertamenti eseguiti, i militari hanno denunciato il legale rappresentante dell’impresa per i reati connessi allo scarico illecito di reflui industriali e per getto pericoloso di cose atte ad imbrattare beni altrui in luogo di transito al pubblico.

  • Published in Cronaca
Subscribe to this RSS feed