Il duo Equinox in concerto a Filadelfia

Domenica prossima (15 maggio) avrà luogo alle ore 18,30 presso l’auditorium comunale di Filadelfia (Vv), il secondo appuntamento del Filagramma music festival 2022, promosso da Ama Calabria e dall’associazione culturale Musicale Filagramma di Filadelfia, con la collaborazione della locale amministrazione comunale.

Protagonista della serata il duo Equinox, composto dal clarinettista Giovanni Lanzini e dal chitarrista Fabio Montomoli.

Diplomatosi giovanissimo presso il Conservatorio "L. Cherubini" di Firenze, Giovanni Lanzini si è in seguito perfezionato con illustri clarinettisti quali Karl Leister (Orchestra Filarmonica di Berlino), Primo Borali (Orchestra RAI di Milano) e Vincenzo Mariozzi (Accademia di Santa Cecilia di Roma). Fabio Montomoli si diploma in Chitarra Classica con il massimo dei voti presso il Conservatorio “S.Cecilia” di Roma con il M° Carlo Carfagna e successivamente frequenta il corso stabile al Mozarteum di Salisburgo con i maestri Eliot Fisk e Joaquin Clerch-Diaz. Da vari anni il duo svolge un’intensa attività concertistica che lo ha portato ad esibirsi per le più prestigiose Associazioni musicali sia in Italia che in molti paesi del mondo (Francia, Germania, Svizzera, Austria, Croazia, Svezia, Romania, Africa, Stati Uniti, Libano, Grecia, Spagna, Repubblica Ceca, Russia, Malta, Giappone) che gli ha procurato molti consensi e critiche lusinghiere. Giovanni Lanzini e Fabio Montomoli hanno effettuato varie registrazioni radiofoniche e televisive per la RAI1, RAI2, RAI3, Radio Vaticana, Radiotelevisione Croata, ecc. ed hanno al loro attivo l’incisione di numerose incisioni discografiche di musica classica e contemporanea per le etichette EMI Classic, Bongiovanni, Miki-Mako, Agenzia Spaziale Italiana, Iktius, Avvenimenti, San Paolo Audiovisivi, EMA Records, SaM e M.A.P. Da sempre attento all’evoluzione del clarinetto e della chitarra nell’ambito della musica da camera, il duo ha sviluppato un ampio repertorio che spazia dalla “hausmusik” ottocentesca fino ai compositori più importanti della musica italiana e latino-americana, ai quali sono stati dedicati i CD “Cançao do Amor” (2009) e “Ciao, Italia!” (2013) per l’etichetta Sam.  Anche nel repertorio contemporaneo il duo è spesso dedicatario di interessanti composizioni da parte di importanti autori italiani e stranieri alle quali verrà dedicato il prossimo disco del gruppo.

Di particolare interesse il programma intitolato Viaggio in Italia un omaggio alla musica e alla tradizione italiana nel corso del quale saranno eseguite la Sonata concertata in La magg. op. 61 di Niccolò Paganini cui seguirà un omaggio alla canzone napoletana che prevede l’interpretazione di straordinarie melodie tra cui Fenesta che lucive, O paese d''o sole, Core ’ngrato, Funiculì Funiculà. Il concerto si concluderà con una carrellata di grande arie di Giacomo Puccini.

Ulteriori informazioni al link https://www.amaeventi.org/evento/duo-equinox/

  • Published in Cultura

La banda di Serra si aggiudica il secondo posto al Concorso nazionale Ama Calabria

Importante riconoscimento per il complesso bandistico Città di Serra San Bruno che si è aggiudicato la piazza d’onore nella categoria “B” del 23° Concorso Nazionale Bandistico organizzato da Ama Calabria presso il teatro “Franco Costabile” di Lamezia Terme,. Sostenuta dal Mibact - Direzione Generale dello Spettacolo, dal Cidim e dalla Buffet & Crampon, la manifestazione si propone, ogni anno, di promuovere la cultura musicale bandistica. I musicisti serresi, diretti dal maestro Pino Salerno, si sono distinti tra i 16 complessi che hanno partecipato nelle cinque categorie del concorso: la “A” prima, “B” seconda, terza, giovanile A e B libera. Proprio nella categoria “B”, vinta dall’Orchestra di fiati “M. Mammoliti” – Città di Seminara (RC), si è fatto apprezzare il gruppo bandistico serrese. Nel corso della rassegna, i concorrenti hanno eseguito un programma distinto per ciascuna categoria della durata complessiva massima di 30 minuti. Tra i brani eseguiti, una marcia sinfonica, un brano a libera scelta ed un brano tratto da una terna scelta dalla direzione artistica. Di alto profilo la giuria, presieduta dal direttore della Civica Filarmonica di Lugano, dal maestro Franco Cesarini, composta dai maestri Andrea Loss, direttore della Musica Cittadina Riccardo Zandonai di Rovereto, Alessandro Maglia, compositore e direttore d’orchestra, Alfio Zito, direttore della Banda Musicale di Acireale e da Francescantonio Pollice, direttore del Conservatorio di Vibo Valentia. Al termine delle due giornate di concorso, i giurati hanno decretato i vincitori delle varie categorie.

Categoria A: PentaMusa Wind Orchestra (ME) diretta da Salvatore Crimaldi 1° premio; Orchestra Giovanile di Fiati “N. Spadaro” Delianuova (RC) diretta da Gaetano Pisano 2° premio. Categoria B:
Orchestra di Fiati “M. Mammoliti” – Città di Seminara (RC) direttore Bruno Zema 1° premio; Complesso Bandistico Città di Serra San Bruno (VV) 2° premio.

Categoria Giovanile Junior: Banda Giovanile “Aegusea” – Favignana (TP) diretta da Arturo Andreoli 1° premio; Euterpe Jugend Band – Catona (RC) diretta da Giuseppe Maira 1° premio; Junior Band Complesso Bandistico Città di Girifalco (CZ) diretto da Michele Catalano 2° premio.

Categoria Giovanile Senior:Banda Giovanile Associazione Musicale di Melicucco (RC) diretta da Alessio Giordano e Michele Napoli 1° Premio; Junior Band “G. Pacini” S. Maria di Licodia (CT) diretta da Yuri Furnari 2° premio; Orchestra Giovanile dello Stretto “Leotta” Reggio Calabria diretta da Alessandro Monorchio 2° premio; Falerna Junior Orchestra (CZ) diretta da Francesco Di Rende 2° premio.


Grande soddisfazione per il risultato conseguito è stata manifestata dal maestro Pino Salerno il quale ha espresso gratitudine all’indirizzo di tutti “i musicisti, alle loro famiglie, al presidente, Dott. Giorgio Raimondo,  ed a tutto il direttivo dell'associazione Amici della musica per il costante supporto. Si tratta di un riconoscimento ancor più significativo – ha aggiunto – considerato che era la prima volta che prendevamo parte ad un concorso bandistico vero e proprio. Il merito  va attribuito ai componenti della banda per tutto il lavoro svolto in questi anni. E’ grazie a questo impegno se, per nostro tramite il nome, di Serra San Bruno risuona nei principali teatri e piazze della nostra regione”.

  • Published in Cultura
Subscribe to this RSS feed