Controlli nel reggino, arresti e denunce

I carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro hanno arrestato quattro persone, deferendone altre quattro, in stato di libertà, per reati che vanno dal furto aggravato di energia elettrica sino alla detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare, i militari della Tenenza di Rosarno, nel corso di una perquisizione domiciliare, hanno arrestato T.C. di 29 anni, R.D.A. di anni 31 e M.C. di 57enne. Denunciati, anche, C.A. e C.C.. I cinque sono stati sorpresi a rubare energia elettrica per le rispettive abitazioni.

I carabinieri hanno, inoltre, deferito F.D., 27enne, pregiudicato, perché trovato in possesso di 3 grammi di marijuana suddivisa in dosi ed il relativo materiale per il confezionamento. Nonostante si trovasse ai domiciliari, il giovane aveva realizzato nella veranda di casa una vera e propria serra, allo stato in disuso, ma verosimilmente utilizzata per la coltivazione di canapa indiana. 

A Gioia Tauro, invece, è stato denunciato G.B., 49enne, per il reato di evasione, poiché sorpresa all’esterno della propria abitazione nonostante fosse agli arresti domiciliari.

Infine i carabinieri di Rizziconi hanno arrestato Francesco Tripodi di 47 anni, in ottemperanza ad un ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva, poiché riconosciuto definitivamente colpevole del reato di produzione di sostanza stupefacente.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.