L'ira di Mosca: "gli Stati Uniti aiutano l'Isis"

"Gli Stati Uniti e i loro alleati aiutano i terroristi dello Stato Islamico in Siria". Ad affermarlo è stato il ministero della Difesa russo.

La dichiarazione è stata riportata dall'agenzia Tass.

"La coalizione ha tentato di disturbare l'aviazione russa ad Abu Kamal per garantire la fuga degli jihadisti. Gli Usa - è l'accusa di Mosca - proteggono l'Isis per sfruttare i suoi militanti e raggiungere così gli obiettivi prefissati nel Medio Oriente".

Per il ministero russo, "i miliziani dell'Isis sostenuti dagli Usa agiscono travestiti da membri delle Forze democratiche siriane. L'offensiva governativa su Abu Kamal ha interrotto i piani americani che puntano a creare un territorio "pro-Usa" sulla sponda orientale dell'Eufrate".

In particolare, gli Stati uniti si sarebbero rifiutati di bombardare un convoglio Isis in fuga da Abu Kamal, usando come pretesto la convenzione sui prigionieri di guerra.

Del resto, non è la prima volta che gli Stati Uniti offrono "copertura" ai terroristi islamici.

 A settembre dell'anno scorso, gli aerei a stelle e strisce facero strage dei soldati siriniani impegnati, a Deir Ezzor, in una feroce battaglia contro i tagliagole del Califfato.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.