Omicidio Barbieri, arrestate due persone

Ci sarebbero motivi di carattere passionale all'origine dell'omicidio di Antonio Barbieri, il 26enne ferito alla testa con due colpi di pistola il 12 gennaio scorso, a Rossano e morto dopo 4 giorni di coma all'ospedale di Cosenza.

Non hanno dubbi gli investigatori del Commissariato della polizia di Stato di Corigliano Rossano e della squadra mobile di Cosenza, che hanno fermato con l'accusa di omicidio volontario, in esecuzione di un provvedimento emesso dalla Procura di Castrovillari, Cristian Filadoro e Vincenzo Fornataro, rispettivamente di 27 e 33 anni.

Dalle indagini è emerso che Filadoro è stato avvisato dalla fidanzata che Barbieri, suo ex compagno, si era presentato nella panetteria dove lavora ed avevano avuto una discussione.

Il 27enne, accompagnato da Fornataro, e andato sul posto, ha avvicinato Barbieri, che si trovava ancora in auto e gli ha sparato due colpi di pistola calibro 7,65.

Messi alle strette dagli elementi acquisiti dagli investigatori, i due arrestati hanno confessato le loro responsabilità

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.