Case e auto incendiate, individuati i presunti piromani

Una delle abitazioni incendiate a Polistena Una delle abitazioni incendiate a Polistena

I carabinieri della Compagnia di Taurianova hanno dato esecuzione alla misura cautelare personale del divieto di dimora nel Comune di Polistena, con la prescrizione di non allontanarsi dall’abitazione in orario notturno, emessa dal gip del tribunale di Palmi su richiesta della locale Procura, nei confronti di Davide Boeti e Roberto Mombelli, rispettivamente di 27 e 38 anni.

I due, entrambi di Polistena, sono ritenuti responsabili del reato di incendio in concorso.

Il provvedimento giunge al termine di un'attività investigativa avviata dai militari della locale Stazione, in seguito ad alcuni incendi dolosi che, nel settembre scorso, hanno danneggiato due immobili disabitati ed un'autovettura.

I primi sospetti sugli indagati sono sorti in occasione del primo incendio, quando i due sono stati notati dai carabinieri in prossimità del rogo.

I sospetti hanno, quindi, trovato riscontro durante le indagini nel corso delle quali gli uomini dell'Arma hanno raccolto le dichiarazioni dei testimoni e visionato le immagini di alcune telecamere di videosorveglianza.

Boeti e Mombelli, ritenuti responsabili di tutte e tre gli incendi, dovranno rispondere, ora, dei reati di incendio e danneggiamento.

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.