'Ndrangheta, due arresti nella Locride

I carabinieri della Compagnia di Locri hanno tratto in arresto il cinquantanovenne Rocco Morabito, di Bovalino.

L'arresto e stato operato in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura generale della Repubblica di Reggio Calabria, in seguito ad una condanna per abuso d’ufficio in concorso commesso con modalità mafiose.

Morabito, che dovrà scontare la pena residua di oltre 3 anni di reclusione, è figlio di Giuseppe, alias “Tiradritto”, capo dell’omonima cosca di ‘ndrangheta operante ad Africo, detenuto al regime del 41 bis.

In manette è finito anche Rizieri Cua, 41 anni, di Natile di Careri, destinatario di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura generale della Repubblica di Milano, per una condanna per associazione di tipo mafioso, quale affiliato dell'omonima cosca attiva nel territorio di Natile di Careri.

Cua dovrà scontare una pena residua a poco meno di 4 anni di reclusione.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.