Confesercenti Catanzaro, il quadro economico regionale e le sfide del presente

“Il quadro economico regionale e le sfide del presente. Idee, strategie, proposte per fare ancora impresa in Calabria. L'impegno di Confesercenti: perché associarsi?”.
 
È il tema dell'incontro programmato presso la sede Confesercenti di Catanzaro (viale Lucrezia della Valle) per il prossimo 30 aprile alle ore 15. Dopo l'introduzione del presidente di Confesercenti Catanzaro, Francesco Chirillo, relazionerà il prof. Vittorio Daniele, ordinario di Politica Economica presso l'Università Magna Graecia di Catanzaro. 
 
“Una iniziativa di particolare interesse - spiega Chirillo - che si colloca coerentemente in un percorso di attività formative, di confronto, di sollecitazioni, di riflessioni avviato da tempo da Confesercenti Catanzaro”. “Continuiamo a dare voce e sostegno alle imprese del territorio - sottolinea il presidente - chiedendo, parallelamente, su tutti i tavoli, una maggiore attenzione per chi crea lavoro. Siamo noi, aziende e imprese, a reggere senza alcun dubbio gran parte del peso necessario per il rilancio economico di questa nostra regione, in un contesto non certo facile”. “Particolarmente gradita, pertanto - continua Francesco Chirillo - sarà la partecipazione del prof. Daniele che ci fornirà la sua autorevole e competente analisi del quadro economico regionale, con uno sguardo sul presente e una più chiara prospettiva, per tutti noi, di breve e medio periodo”. 
 
Nata a Roma nel 1971, Confesercenti è una delle principali e più antiche associazioni imprenditoriali del Paese, oltre che membro fondatore di Rete Imprese Italia. Rappresenta in Italia più di 350mila Pmi del commercio, del turismo, dei servizi, dell’artigianato e dell’industria. Con oltre 5mila addetti, 120 sedi provinciali, 20 regionali e oltre 1.000 territoriali, è un punto di riferimento per le imprese su tutto il territorio nazionale.

"L'arte e il paesaggio", il volume di Giorgio Ceraudo sarà presentato a Catanzaro

Venerdì 26 aprile 2019, alle ore 17.00, a Catanzaro, presso il Salone del Palazzo della Provincia, sarà presentato il volume di Giorgio Ceraudo dal titolo "L’Arte e il paesaggio - Le belle contrade" (Rubbettino Editore).

Interverranno all’iniziativa, moderata dallo Silvio Rubens Vivone, Ivan Cardamone, vicesindaco e assessore comunale alla cultura; Teresa Gualtieri, presidente nazionale federazione Club per l’Unesco; Francesco Cuteri, archeologo; Rosanna Caputo, storico d’arte e l’autore del volume.

Giorgio Ceraudo, architetto, già  Soprintendente per i Beni culturali della Calabria, ha presentato il suo lavoro, a Palazzo Arnone di Cosenza, evidenziando le tante attività espletate durante la sua gestione riscuotendo attenzione e interesse.

Nell’incontro catanzarese si farà il punto sull’impegno profuso da Ceraudo per dare centralità al Complesso monumentale del San Giovanni, al Palazzo Fazzari, al Palazzo Alemanni, al restauro e alla valorizzazione del Parco archeologico e museale della Roccelletta di Borgia e agli altri gioielli architettonici che contraddistinguono la città di Catanzaro e la sua provincia.

Non mancheranno, ancora, analisi e approfondimenti sui tanti tesori d’arte del catanzarese presentati in mostre di straordinaria valenza culturale: “Andrea Cefaly e la scuola di Cortale”;  la mostra internazionale “Mattia Preti il Cavaliere Calabrese”, etc..

L’iniziativa metterà in primo piano le potenzialità che detiene la Calabria in un settore strategico, la cultura appunto, per uno sviluppo e una crescita economica e sociale non più rinviabili.

  • Pubblicato in Cultura

Successo per “La cameriera brillante” che chiude la rassegna teatrale Vacantiandu al Teatro Comunale di Catanzaro

Si chiude con l’ennesimo successo la seconda annualità della rassegna teatrale Vacantiandu con la direzione artistica di Diego Ruiz, Nico Morelli e la direzione amministrativa di Walter Vasta.

Ad andare in scena sul palco del Teatro Comunale della città capoluogo è stata la Compagnia teatrale “I Vacantusi” di Lamezia Terme, con lo spettacolo, realizzato in collaborazione con l’Associazione Maschera e Volto, "La cameriera brillante" di Carlo Goldoni, regia di Imma Guarasci.

Una bella e vivace commedia in costume che ha trasportato il pubblico nella fascinosa atmosfera della Venezia settecentesca tra trine, merletti, parrucche, ventagli e minuetti.

La scenografia cartonata, curata da Maria Faragò, ha disseminato lo spazio scenico di “segni”, delimitando idealmente i vari ambienti: uno specchio e una seduta per la camera da letto, un tavolo per quella da pranzo, una poltrona per il salotto, una cassapanca, un trespolo portafiori…

Il rapporto interno/esterno è stato invece risolto con leggere tende a filo in un continuum spaziale tra palcoscenico e backstage. Un suggestivo effetto pittorico in bianco e nero ha così incorniciato i personaggi nei loro costumi dai colori smaglianti.

Siamo a Mestre, nella casa di villeggiatura del burbero e avaro mercante Pantalone interpretato da un Nico Morelli in gran forma.

La casa è governata da Argentina la “cameriera brillante”, una sorta di serva-padrona a cui Sabrina Pugliese dà carattere e personalità con battute argute e movimenti scenici di grazia e leggerezza.

Le sue padroncine, l’acida Clarice (Rita Scalzo) e la dolce Flaminia (Angela Gaetano), grazie alla sua trovata di rappresentare una “commedia nella commedia”, riusciranno a coronare il loro sogno d’amore rispettivamente con il nobile Ottavio (Walter Vasta) e con il parvenu Florindo (Ruggero Chieffallo).

A completare la schiera dei personaggi il padrone della casa (Vincenzo Muraca) e i due servi, impiccioni ed afflitti da una fame eterna, Brighella (Rosa Aiello) e Traccagnino/Giangurgolo (Nunzio Santoro).

La commedia fa parte della cosiddetta riforma goldoniana che mirava all’innovazione dei caratteri teatrali, a discapito delle solite maschere che limitavano l’analisi psicologica e comportamentale del personaggio.

In questo contemporaneo adattamento drammaturgico ed allestimento scenico, la regia di Imma Guarasci ha inteso proporne i dettami. Il testo è stato ridotto e adattato per renderlo più attuale e aderente all’interpretazione degli attori e alla fruizione degli spettatori. La messinscena è frutto di un laboratorio di Teatroterapia che ha rappresentato per I Vacantusi la possibilità di essere protagonisti di una commedia “meta-teatrale” e di lavorare individualmente sui propri personaggi superando i confini degli spazi convenzionali del palcoscenico.

Le maschere in cartapesta che rievocano inizialmente quelle della Commedia dell’Arte si trasformano poi in “caratteri” da commedia: le pagine di Goldoni vengono così “riscritte” in scena dagli stessi protagonisti.

Le coreografie ripropongono una versione “moderna” del minuetto e di danze d’epoca contaminate dalle azioni sceniche dei personaggi.

Lo spettacolo è stato accolto con calorosi applausi dal numeroso pubblico presente.

Al termine della commedia Nico Morelli e Walter Vasta, rispettivamente direttore artistico e direttore amministrativo della rassegna Vacantiandu hanno voluto ringraziare ancora una volta il direttore del Teatro Comunale di Catanzaro, Francesco Passafaro e tutto il suo staff per l’accoglienza e la preziosa collaborazione ricevute durante lo svolgimento dell’intera rassegna e hanno poi consegnato la tradizionale maschera in ceramica alla regista Imma Guarasci e a Michele Mirabello, presidente della Commissione Cultura della Regione Calabria per il sostegno nei confronti dell’Associazione teatrale I Vacantusi.

  • Pubblicato in Cultura

Catanzaro, Chirillo ad Abramo: “Ma qual è la visione strategica su Giovino?”

“Su Giovino qual è la visione strategica d'insieme?”. A chiederselo è il presidente provinciale di Confesercenti Catanzaro, Francesco Chirillo.

“Ho assistito - scrive Chirillo - all'incontro organizzato dal sindaco sul futuro del quartiere Giovino. La nota positiva è che c’è voglia di concertare e decidere insieme, nella speranza che il tutto non si fermi, soltanto, alla semplice dichiarazione d'intenti e si passi, da subito, a instaurare un tavolo di confronto per trovare soluzioni condivise”. “C'è, però, una anomalia” sottolinea il presidente di Confesercenti Catanzaro.

“Ho, infatti, sentito parlare di come costruire alberghi, se alti o bassi, se di livello, come devono essere le strade, se ad una o più uscite - chiarisce Chirillo. - Tutto ciò come se ci fosse la fila degli imprenditori di spessore nazionale e internazionale, già pronti a fare attività turistica e ad investire milioni di euro su Catanzaro.

Perché di questi importi stiamo parlando”. “Credo - analizza il presidente di Confesercenti - che si stia cominciando una discussione partendo dalla fine e non dall'inizio. Per inizio intendo una filosofia, una visione di sviluppo, degli obiettivi che ogni amministratore di cosa pubblica o di azienda deve avere.

Un orizzonte che, a mio avviso, deve comprendere una strategia che coinvolga l’intero golfo di Squillace, per rendere l'intera fascia costiera significativamente attrattiva per gli imprenditori regionali, nazionali e internazionali.

Con queste linee guida si potrà poi sperare di lanciare un concorso di idee che comprenda l'intera area di Giovino senza la cosiddetta tripartizione, con la speranza di trovare investitori in grado, e con la voglia, di impiegare tempo e denaro qui da noi. Intenzione che stiamo dando per scontata”.

“Per ultimo - conclude Francesco Chirillo - ritengo che se non ci chiariamo, prima e bene, le idee sulla nostra visione di città rischiamo di fare in fretta e male. Consiglio, pertanto, di fermarsi e iniziare subito un serrato tavolo di lavoro tra tutti i legittimi portatori di interessi di questa nostra città”.

Perde il controllo dell'auto e finisce in un canalone, 47enne muore sul colpo

Incidente mortale a Catanzaro, dove un uomo di 47 anni ha perso la vita dopo essere finito con la sua Lancia Y, prima contro un palo del telefono e poi in un canalone per la raccolta delle acque piovane.

Sul posto sono intervenuti gli uomini della polizia locale ed i vigili del fuoco del locale Comando, provinciale che hanno recuperato la salma e la vettura.

  • Pubblicato in Cronaca

Job Day a Catanzaro, Chirillo: “Punto di svolta per il mondo del lavoro”

“Un punto di svolta per il mondo del lavoro”. Francesco Chirillo, presidente di PromoCatanzaro (azienda speciale della Camera di Commercio) e presidente provinciale di Confesercenti Catanzaro, descrive così l'importanza dell'appuntamento con il primo “Job Day”.

L'evento, organizzato nel capoluogo per favorire il matching tra domanda e offerta nel mondo del lavoro, si svolgerà il prossimo 7 maggio. Ma tutti i dettagli saranno anticipati già domani (venerdì 5 aprile), alle ore 12.00. A quell'ora si terrà una conferenza stampa di presentazione presso la sala Giunta della Camera di Commercio di Catanzaro.

“L’Iniziativa - preannuncia il presidente Chirillo - condivisa e sposata dall’assessorato al lavoro della Regione Calabria, dall’amministrazione provinciale di Catanzaro e dalla stessa  amministrazione  comunale di Catanzaro, vedrà come partner  tecnici anche l’Università Magna Graecia di Catanzaro e l'Agenzia nazionale delle politiche attive di lavoro”. Per Chirillo “questa è la tappa di un percorso coerente con le nuove funzioni di orientamento e placement affidate alle Camera di Commercio dopo la riforma del sistema camerale”. La parte principale del “Job Day” saranno “gli incontri diretti tra chi offre opportunità di lavoro e le persone in cerca di occupazione”.

“L'evento - sottolinea Chirillo - non sarà il solito racconto retorico dei nostri problemi e delle criticità, ma darà risposte concrete ad una crescente esigenza per le imprese del territorio, cioè quella di reperire personale qualificato. Infatti, il lavoro molto spesso c’è, anche nel nostro contesto, ma ciò che manca è l’incontro reale tra domanda ed offerta. Pertanto, di fronte a una necessità manifestata dalle stesse imprese, rivolta verso quelle professionalità che possono rappresentare la linfa per la crescita delle stesse aziende, noi intendiamo dare una risposta risolutiva nell'immediato”.

Finisce con l'auto contro un guard rail, muore un 50enne

Un cinquantenne, L.S., ha  perso la vita in un incidente stradale avvenuto lungo viale Magna Graecia, nei pressi della rotatoria dello svincolo per la Statale 106, a Santa Maria di Catanzaro.

L’uomo, per cause in corso d’accertamento, ha perso il controllo della sua Opel Astra ed è finito contro un guard rail.

Intervenuti sul posto, i sanitari del 118 non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dello sfortunato automobilista.

Asp Catanzaro: è attivo il sistema di prenotazione on-line di tutte le prestazioni erogate

L’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro ha attivato il sistema on-line per le prenotazione di visite e prestazioni specialistiche.

L’accesso al servizio è consentito attraverso l’home page del sito web aziendale www.asp.cz.it cliccando sulla icona “Prenotazioni Cup” oppure digitando Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. sul motore di ricerca.

Si accederà, in tal modo, al Portale del cittadino sul quale è possibile effettuare la login mediante l’inserimento del codice fiscale e del numero di tessera sanitaria.

Dopo aver inserito i dati richiesti, il sistema riconoscerà l’utente che potrà effettuare la prenotazione desiderata.

Il servizio di prenotazione on-line, interfacciato con il Centro unico di prenotazione dell’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro, consente ai cittadini dell’intera provincia di prenotare le prestazioni specialistiche erogate dall’Asp di Catanzaro presso i poliambulatori e le strutture ospedaliere aziendali.

Inoltre, con lo stesso sistema, è possibile spostare le prenotazioni oppure procedere alla loro disdetta almeno 48 ore prima della data stabilita, senza incorrere nella sanzione amministrativa.

Inoltre, nella voce del menu “Le mie prenotazioni”, è possibile visualizzare l’elenco delle prestazioni fruite e di quelle ancora in stato di prenotazione.

Sottoscrivi questo feed RSS