Strappano una catenina dal collo di un 60enne, arrestati

Al termine di articolate indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, gli uomini della questura reggina hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal gip presso il tribunale di Reggio Calabria, nei confronti di Francesco Hasni e Massimo Tomasello, rispettivamente di 21 e 41 anni.

I due sono accusati del reato di rapina in concorso, poichè avrebbero spinto e fatto cadere un sessantenne, al quale avrebbero strappato dal collo una collana con crocefisso in oro.

I presunti responsabili del crimine, sono stati individuati grazie alle immagini dei sistemi di video sorveglianza.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Rapinava i corrieri, arrestato

I carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale in carcere, emessa dal gip del tribunale di Palmi, nei confronti di Bruno D’Agostino, di 31 anni, ritenuto responsabile del reato di rapina aggravata.

Il provvedimento giunge al termine delle indagini condotte dai militari dalla Stazione di San Ferdinando, in seguito a tre rapine commesse tra gennaio e marzo scorsi, a Rosarno e San Ferdinando, ai danni di alcuni corrieri di spedizioni.

Le risultanze investigative hanno permesso d'identificare il presunto rapinatore, proprio in D'Agostino, il quale, durante la sosta per la consegna dei pacchi, avrebbe costretto i corrieri a consegnargli l’incasso della giornata.

L’ammontare complessivo delle somme sottratte nel corso delle rapine, è stato stimato in circa tremila euro.

L’arrestato, al termine degli adempimenti di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Reggio Calabria Arghillà, in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

  • Pubblicato in Cronaca

Furti e rapine in Calabria e Sicilia, disarticolate due bande

È scattato all'alba di oggi a LameziaTerme (CZ), Cosenza, Corigliano (CS), Seminara(RC), Catania, Venezia ed in Paesi dell'area Schengen, un blitz con il quale i carabinieri del Gruppo di Lamezia Terme, hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale lametino, nei confronti di 11 indagati, di cui 4 italiani e 7 romeni, appartenenti a due distinti gruppi, ritenuti responsabili di furti e rapine consumati ai danni di uffici postali ed esercizi commerciali.

Le indagini, iniziate nell’aprile 2018, hanno permesso di scoprire l’esistenza di un primo sodalizio criminale, costituito dai 4 italiani, attivo in varie località della Sicilia e della Calabria, specializzato nella commissione di rapine ai danni di uffici postali.

Parallelamente i militari hanno documentato l’esistenza di un secondo gruppo criminale, composto da 7 romeni, che effettuava rapine e furti ad aziende ed attività commerciali calabresi, con il metodo della cosiddetta “spaccata”.

Furti e rapine nel Vibonese, due persone in manette

 Svolta nelle indagini sui furti in appartamento e rapine in abitazione avvenuti nel Vibonese.

Nel corso di un'operazione eseguita la notte scorsa a Vibo Valentia e Cessaniti, i carabinieri della locale Compagnia hanno, infatti, eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse nei confronti di altrettante persone di Cessaniti e San Costantino.

Le indagini sono state condotte dai militari del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Vibo Valentia e della Stazione di San Costantino Calabro.

I dettagli delle operazoni saranno resi noti durante la conferenza stampa, che si terrà alle ore 11:00, nell’aula magna del Comando provinciale dei Carabinieri di Vibo Valentia.

Rapinatori fanno irruzione nell'ufficio postale e minacciano i dipendenti con mazza e pistola

Rapina all’ufficio postale di piazza 5 dicembre di Lamezia Terme, dove questa mattina hanno fatto irruzione tre persone incappucciate.

Dopo aver minacciato gli impiegati con una pistola ed una mazza, i rapinatori si sono fatti consegnare il denaro.

Tuttavia, il bottino sul quale hanno messo le mani i malviventi sarebbe di poche centinaia di euro.

Sul posto sono, quindi, intervenuti i carabinieri che hanno avviato le indagini finalizzate a dare un volto ai responsabili.

Sgominata banda dedita a rapine in banche e supermercati, 10 arresti

Associazione per delinquere finalizzata alla commissione di più delitti contro il patrimonio e in materia di armi. Queste alcune delle ipotesi di reato a carico delle dieci persone tratte in arresto questa mattina, a Rosarno.

Alcuni degli indagati sono ritenuti, tra l'altro, i capi e gli organizzatori delle rapine consumate tra il 2016 ed il 2017, ai danni di banche, supermercati e farmacie, sia nella Piana di Gioia Tauro che nella provincia di Vibo Valentia.

L'operazione, denominata "Robberies", coordinata dalla Procura della Repubblica di Palmi (RC), è stata eseguita dai poliziotti in forze alla squadra mobile di Reggio Calabria, ai Commissariati di Polistena, Gioia Tauro, Cittanova, Taurianova, Palmi, Villa San Giovanni ed al Reparto prevenzione crimine di Siderno.

I destinatari dell’ordinanza applicativa di misure cautelari personali, adottata dal gip presso il Tribunale di Palmi, sono: Michele Bellocco, (23 anni - custodia in carcere); Pietro Iacono (23 anni - custodia in carcere); Vincenzo Lazzaro (22 anni – custodia in carcere); Fabio Scarfò (28 anni – custodia in carcere); Giuseppe Pisano(25 anni – custodia in carcere); Antonella Bruzzese (40 anni – obbligo di dimora); Rocco Bellocco (49 anni – obbligo di dimora); Teresa Fazzari (79 anni – obbligo di presentazione alla pg); Vincenzo Lazzaro (84 anni – obbligo di presentazione alla Pg); Giuseppe Lazzaro (59 anni– obbligo di presentazione alla Pg).

Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di: associazione per delinquere, rapina, ricettazione, furto, detenzione e porto di plurime armi da sparo, anche clandestine, ed armi bianche.

 

Era sfuggito ad un ordine di carcerazione, arrestato

Un cittadino nigeriano di 28 anni, sfuggito ad un ordine di carcerazione per il reato di rapina, è stato tratto in arresto dagli agenti della polizia ferroviaria di Reggio Calabria.

L'arresto è stato effettuato nella stazione di Locri, dove l'uomo ha attirato l'attenzione degli agenti che, dopo averlo fermato, lo hanno sottoposto a controlli.

Il nigeriano, sprovvisto di documenti, è stato accompagnato presso gli uffici del Commissariato di Siderno per accertarne l'identità.

Gli agenti hanno quindi scoperto che si trattava del ventottenne che, lo scorso mese di aprile, si era reso responsabile di una violenta aggressione, avvenuta nella stazione di Monasterace, ai danni di un capotreno.

Grazie alla descrizione fatta dal ferroviere, i poliziotti erano riusciti a rintracciare e denunciare, in stato di libertà, l'aggressore.

L’uomo è ritenuto, inoltre, responsabile di una rapina commessa lo scorso 8 giugno, ai danni di un cittadino di Melito Porto Salvo.

Nell’occasione, l'extracomunitario si era impossessato di una bicicletta, minacciando il proprietario con un grosso coltello.

Al termine delle formalità di rito, il cittadino nigeriano è stato associato presso la casa circondariale di Locri.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Rapina in una farmacia, individuato il presunto responsabile

Sono appena scoccate le dodici del 19 dicembre scorso, quando un uomo a volto parzialmente coperto entra in una farmacia, nel centro storico di Cosenza e puntando una pistola in direzione della titolare si fa consegnare 800 euro, ovvero l’intero incasso della mattina.

Presi i soldi, il rapinatore si dilegua a piedi tra i vicoli della città. 

Sul posto intervengono i carabinieri della Stazione di Cosenza Principale, i quali avviano immediatamente le indagini finalizzate ad identificare il responsabile del colpo.

Grazie alla visione di alcuni fotogrammi dell’impianto di videosorveglianza, i militari riescono a dare un volto al malvivente.

Dopo aver raccolto gravi e concordanti indizi di colpevolezza, gli uomini dell'Arma hanno, quindi, eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di un cosentino, D.V.G. di 40 anni.

Sottoscrivi questo feed RSS