Scontro tra due auto, muoiono marito e moglie

Tragico incidente stradale lungo la Provinciale 234, nei pressi del bivio per Luzzi (Cs).

L'impatto, avvenuto nella giornata di ieri, si è rivelato fatale per una coppia, originaria di Rose.

Marito e moglie, rispettivamente di 59 e 58 anni, hanno perso la vita quando la Citroen sulla quale viaggiavano si è scontrata con una Mercedes, il cui conducente è rimasto ferito.

Sul posto, oltre ai sanitari del 118 ed ai vigili del fuoco, sono intervenuti i carabinieri che hanno effettuato i rilievi di rito.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Doppia scossa di terremoto in Calabria

Doppia scossa di terremoto, nella giornata di ieri, in Calabria.

I sismografi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia si sono attivati, una prima volta, alle 18,10 quando, in un tratto del mar Tirreno compreso tra Rosarno e Gioia Tauro hanno registrato un sisma di magnitudo ML 2.5.

L'evento si è sviluppato ad una profondità di 136 chilometri, in una zona particolarmente attiva sotto il profilo sismico.

Più forte, invece, la seconda scossa, di magnitudo 3.1, rilevata alle 21,17 a Luzzi, in provincia di Cosenza.

In questo caso il terremoto, il cui epicentro è stato riscontrato a soli 10 chilometri di profondità, è stato avvertito distintamente dalle popolazioni residenti nei centri di Luzzi, Bisignano, Acri, Rose, Santa Sofia d'Epiro e San Demetrio Corone.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Incidente sul lavoro, grave un operaio schiacciato da un albero

Un operaio, dipendente di una ditta impegnata a svolgere lavori di disboscamento in un’area privata, è rimasto ferito a Rose, in provincia di Cosenza.

L’uomo si trova ora ricoverato, in prognosi riservata, all’ospedale Annunziata di Cosenza, dove è stato portato in eliambulanza dopo essere stato schiacciato da un albero.

Intervenuti sul luogo dell’incidente e compiuti gli accertamenti di rito, i carabinieri hanno denunciato, in stato di libertà, per lesioni personali colpose, un 30enne titolare dell’impresa per la quale lavorava il malcapitato operaio.

Al termine delle verifiche effettuate, con l’ausilio del personale dell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza, i militari dell’Arma hanno contestato al proprietario dell’impresa, anche, la mancata vigilanza sul rispetto della normativa inerente la sicurezza sul lavoro.

  • Pubblicato in Cronaca

Aggrediscono la proprietaria del terreno in cui stanno rubando castagne, arrestati 6 romeni

I carabinieri di Rose, unitamente ai colleghi di Rende, hanno fermato sei cittadini di nazionalità romena con l’accusa di rapina impropria in concorso. I sei, quattro uomini e due donne, sono accusati di aver aggredito una 65enne che li aveva sorpresi a rubare castagne in un fondo di sua proprietà. L’episodio è accaduto a Rose, in provincia di Cosenza. Da una prima ricostruzione, pare che i sei romeni si siano introdotti in un terreno agricolo con l’intento di rubare castagne. Sorpresi sul fatto dalla proprietaria, i malfattori avrebbero inveito contro la donna, prima di farla cadere a terra durante  la fuga.  Intervenuti tempestivamente, i carabinieri sono riusciti a bloccare i protagonisti dell’accaduto mentre cercavano di allontanarsi a bordo di un furgone. L’anziana, invece, è stata medicata dai sanitari dell’ospedale “Annunziata” di Cosenza cha l’hanno giudicata guaribile in dieci giorni.

  • Pubblicato in Cronaca

Da due giorni non si hanno notizie di un uomo di 48 anni

Da 48 ore si sono perse le tracce di un 48enne allontanatosi dalla propria abitazione a bordo della Fiat Panda di sua proprietà e di colore nero. Bruno Gencarelli vive a Rose, in provincia di Cosenza. L'uomo era uscito per raggiungere il luogo in cui custodisce gli animali. A denunciarne la sparizione sono stati i parenti. 

Indagato il 55enne alla guida dell'auto che ha investito e ucciso una donna

E' stato iscritto nel registro degli indagati il cinquantacinquenne alla guida della Renault Clio che nel pomeriggio di giovedì a Rose, nel Cosentino, ha investito, provocandone la morte, Maria Toscano, 75 anni. L'ipotesi di reato a carico di E.F. è omicidio stradale colposo. La vittima era intenta ad attraversare la strada in compagnia del marito della figlia, a sua volta trasportato d'urgenza all'ospedale "Annunziata" di Cosenza a causa delle gravi ferite riportate. Il conducente, immediatamente dopo l'impatto, è sceso dall'autovettura per soccorrere i due pedoni. Ha affermato, davanti ai Carabinieri della Stazione di Luzzi e di Rose che stanno indagando sull'accaduto sotto il coordinamento del sostituto procuratore della Repubblica Domenico Assumma, di non averli visti e di aver udito solamente il fragore dello schianto. 

  • Pubblicato in Cronaca

Donna investita e uccisa da un'auto, il genero è in gravissime condizioni

Poche ore fa un'automobile ha travolto una coppia di pedoni. Una donna, di cui non è stata al momento resa nota l'identità, è deceduta all'istante. Un uomo, genero della vittima ha, invece, riportato gravissime ferite ed il personale sanitario del 118 accorso sul luogo dell'incidente stradale lo ha immediatamente accompagnato all'ospedale "Annunziata" di Cosenza. Il tragico sinistro si è verificato a breve distanza da Rose. Il luogo è stato raggiunto anche dai Carabinieri che hanno compiuto i rilievi finalizzati ad accertare con precisione la dinamica dell'impatto fatale tra la Renault Clio ed i due congiunti intenti ad attraversare la strada. Il conducente della vettura è sceso dall'automezzo per prestare i primi soccorsi. 

  • Pubblicato in Cronaca

Non versò i contributi Inps dei dipendenti: arrestato amministratore di ditta edile

Un operaio di 60 anni è stato arrestato dai Carabinieri sulla base di un mandato di carcerazione disposto dal Tribunale. Amministratore di un'azienda attiva nel comparto dell'edilizia, dovrà scontare una condanna a quattro mesi di reclusione inflittagli in quanto giudicato responsabile del mancato versamento dei contributi INPS degli addetti in servizio presso la propria ditta nell'arco temporale compreso tra il settembre ed il dicembre di otto anni fa. L'importo complessivo dell'omissione ammontava a 2.049 euro. I militari dell'Arma di Rose, in provincia di Cosenza, hanno ristretto N.L. ai domiciliari. Già in passato il sessantenne era finito nelle maglie della giustizia. 

Sottoscrivi questo feed RSS