Fabrizia, scoperta un'altra piantagione di marijuana

Ennesima piantagione di droga rinvenuta nelle Serre, dove, con il supporto dei militari dell'8° Elinucleo di Vibo Valentia, i carabinieri della locale Stazione e del Nucleo operativo di Serra San Bruno hanno scoperto, in località “Cellia” del comune di Fabrizia, 120 piante di canapa indica d’altezza variabile tra i due ed i quattro metri.

Allestita su un impervio costone di montagna difficile da raggiungere, la coltivazione è stata rinvenuta grazie all'equipaggio dell’elicottero dell’8° Elinucleo.

Una volta raggiunta l'area, i militari, previo campionamento, hanno estirpato e distrutto gli arbusti.

Il valore stimato dello stupefacente che sarebbe stato ricavato dalle piante, si aggira sui 15 mila euro.

Pochi giorni fa, nella stessa località, i carabinieri avevano rinvenuto un'altra piantagione composta da oltre 400 arbusti (Per leggere la notizia clicca qui)

Piantagione di canapa indica scoperta a San Nicola da Crissa

I militari della locale Stazione, del Nucleo operativo di Serra San Bruno e dell’8° Elinucleo di Vibo Valentia, hanno scoperto, in località “Borgo Piccione” del comune di San Nicola da Crissa, una piantagione composta da 75 arbusti di canapa indica.

Le piante, di altezza compresa tra i 2 ed i 4 metri, erano state coltivate a ridosso di un dirupo, in una zona ben occultata dalla fitta vegetazione.

Avvistata da un elicottero dell’8° Elinucleo di Vibo Valentia, la piantagione è stata raggiunta dai militari che, previo campionamento, l'hanno estirpata e distrutta.

Le piante, pronte per essere raccolte, avrebbero prodotto una quantità di stupefacente che, se immessa sul mercato, avrebbe potuto fruttare circa 40 mila euro.

  • Pubblicato in Cronaca

Fabrizia, rinvenuta coltivazione con oltre 400 piante di canapa

Una piantagione, composta da 420 arbusti di canapa indica, è stata scoperta in contrada "Cellia", nel comune di Fabrizia, dai carabinieri della locale Stazione, del Nucleo operativo radiomobile della Compagnia di Serra San Bruno e dell'8° Elinucleo di Vibo Valentia.

Le piante, di altezza variabile tra i 2 ed i 3 metri, erano distribuite su tre piazzole ben occultate dalla fitta vegetazione, in una zona molto impervia. 

Lo stupefacente, che sarebbe stato ricavato dagli arbusti, una volta immesso sul mercato, avrebbe fruttato poco più di 90 mila euro.

Su disposizione dell’autorità giudiziaria di Vibo Valentia, la coltivazione è stata distrutta, previo campionamento.

Oltre 300 piante di canapa rinvenute nel reggino

Nel corso di un servizio di rastrellamento e controllo del territorio eseguito dai carabinieri della Compagnia di Locri, con il supporto degli uomini dello Squadrone eliportato Cacciatori, sono state rinvenute tre piazzole adibite alla coltivazione di canapa indica.

La piantagione, composta da oltre 300 piante, era stata allestita su un'area demaniale, in contrada Licino, a Locri.

Dopo il campionamento, lo stupefacente è stato distrutto.

 

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS