Caccia al cinghiale con munizioni vietate, denunciato

I carabinieri forestale della Stazione di Cerchiara di Calabria hanno posto sotto sequestro un fucile calibro 12 ed il relativo munizionamento ad un cacciatore di Villapiana Lido, fermato per un controllo in località “Zagaria Piano Caroccia” nel Comune di Plataci, in un'area limitrofa al Parco nazionale del Pollino.

Durante il controllo, i militari hanno accertato che l’uomo era impegnato in una battuta di caccia al cinghiale, con un munizionamento non consentito.

Il cacciatore, infatti, è stato trovato in possesso di munizioni spezzate.

Gli uomini dell'Arma, oltre a sequestrare il fucile e le munizioni, hanno denunciato l’uomo per violazione alla legge sulla caccia.

  • Pubblicato in Cronaca

Serra: cinghiale affetto da tubercolosi, il sindaco ne dispone la distruzione

Un’ordinanza per la distruzione della carcassa di un cinghiale affetto da tubercolosi è stata emessa lunedì scorso, dal sindaco di Serra San Bruno.

L’animale, ucciso durante una battuta di caccia svoltasi in località S. Elia del Comune di Capistrano, è stato sottoposto a visita ispettiva in località “Peschiera” di Serra San Bruno.

La distruzione, “mediante interramento e denaturazione con agenti disinfettanti della carcassa”, è stata disposta in seguito alla visita effettuata dal medico veterinario dell’Asp Vibonese, che ha riscontrato “una sospetta  infezione tubercolare”.

Situazione analoga, anche, a Mongiana, dove, nei giorni scorsi, per la stessa ragione, è stata ordinata la distruzione di un cinghiale abbattuto in località “Petrera”.

  • Pubblicato in Cronaca

A caccia di cinghiali con fucile e munizioni vietate, denunciato

I militari della Stazione Carabinieri Parco di Morano Calabro hanno denunciato un cacciatore del luogo per violazione alla legge sulla caccia.

In particolare, l’uomo è stato sorpreso in località “Monastero di Colloreto” di Morano Calabro, a ridosso della zona 2 del Parco del Pollino dove aveva da poco abbattuto alcuni cinghiali.

Dal controllo è emerso infatti che il fucile usato per l’attività venatoria non era dotato dell’apposito “riduttore” e dunque era predisposto a contenere più di due munizioni all’interno del serbatoio.

I militari hanno accertato, inoltre, che i tre cinghiali appena sparati erano stati abbattuti con munizionamento spezzato, in particolare “pallettoni” assolutamente vietati per la caccia al cinghiale.

L'uomo è stato, pertanto, denunciato per aver usato mezzi e munizionamento non consentito per l’attività venatoria. Il fucile e le munizioni sono stati sottoposti a sequestro, mentre i due capi abbattuti sono stati dati in beneficenza.

  • Pubblicato in Cronaca

Serra, Audi TT investe un cinghiale su viale Certosa

Sta prendendo le forme di una piaga il "problema cinghiali" che da mesi ormai affligge Calabria tutta. A causa della proliferazione incontrollata, questi maiali selvatici stanno arrecando danni per decine di migliaia di euro alla popolazione calabrese e, nella fattispecie, a quella delle serre vibonesi. E' infatti di stasera l'ultimo caso d'incidente tra macchina in transito e cinghiale.

Il fatto è avvenuto questa sera a Serra San Bruno, intorno a mezzanotte, quando un'auto, un'Audi TT con a bordo due ragazzi, percorrendo il viale Certosa, poco distante dalla caserma dei Carabinieri, ha impattato un cinghiale di grosse dimensioni. L'impatto, violento, ha ucciso il povero l'animale e ha semi distrutto l'auto. Non hanno subito conseguenze fisiche, fortunatamente, gli occupanti del veicolo che, spavento a parte, ne sono usciti illesi. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri.

Purtroppo non è il primo e non sarà l'ultimo di questi casi. Gli animali, che ormai formano branchi sempre più numerosi, hanno già invaso le campagne ed ora stanno arrivando anche nei centri abitati. Le conseguenze di questa selvaggia invasione le ritroviamo quotidianamente tanto nei semplici avvistamenti quanto nei campi distrutti, fino ad arrivare al ben più grave incidente. Una situazione arrivata ormai al collasso ed a farne le spese sono sempre i cittadini.

Viene da chiedersi, in caso di sinistro stradale, chi è a dover pagare i danni al conducente incolpevole; chi dovrà ripagare i campi distrutti, i raccolti danneggiati, le recinzioni divelte? Confidiamo che la Regione, ente preposto a vigilare sulla fauna selvatica, si dia presto da fare e cerchi una soluzione, anche se drastica, quanto più efficace e definitiva al problema, prima che veramente capiti un "problema" per il quale non c'è soluzione.

  • Pubblicato in Cronaca

Trasversale delle Serre, scontro auto-cinghiale

Avrebbe potuto avere conseguenze ben più serie, l’incidente avvenuto in tarda serata quando, intorno alle 22, sul tratto della Trasversale delle Serre che da Cardinale porta a Chiaravalle un’autovettura si è scontrata con un enorme cinghiale sbucato improvvisamente sulla carreggiata.

Il conducente non ha potuto evitare l’impatto, che ha provocato la morte dell'ungulato.

Solo il caso ha voluto che le conseguenze non fossero ben più gravi, anche, per l'automobilista ed i passeggeri.

Rilevanti i danni materiali riportati dal veicolo.

Sul posto sono intervenute le autorità per i rilievi del caso. Non è la prima volta che sulle strade dell’entroterra serrese accadono incidenti di questo tipo. Eccessiva presenza di animali, poca visibilità non soltanto dovuta alla scarsa illuminazione e agli arbusti alti ai lati della strada, rendono la superstrada un luogo piuttosto pericoloso.

Sarebbe necessario, pentanto, un tempestivo intervento da parte di Anas e delle altre autorità preposte.

Cinghiale devasta una cristalleria

Ha devastato una cristalleria prima di essere catturato da un cacciatore. Protagonista dell'insolita storia, un cinghiale che ha fatto irruzione in un negozio della citta` tedesca di Hemer. Oltre a seminare il panico tra i clienti, l'animale ha distrutto oggetti per diverse migliaia di euro. Rimasto intrappolato all'interno del locale per circa quattro ore, nel disperato tentativo di trovare una via di fuga, il cinghiale ha travolto ogni cosa ferendosi in piu` punti. Alla fine si e` rivelato provvidenziale l'intervento di un cacciatore che e` riuscito a tranquillizzare l'animale prima di catturarlo.

Sottoscrivi questo feed RSS