Cittadini stranieri vivevano in condizioni degradanti, denunciate 9 persone

La guardia di finanza della Compagnia di Paola ha individuato e sequestrato un intero fabbricato affittato illegalmente a 15 venditori ambulanti di nazionalità bengalese.

Nel corso del controllo, i finanzieri hanno scoperto che i 15 immigrati, tra cui 2 minorenni, pagavano cento euro al mese a persona per vivere e dormire a terra, tra cumuli di spazzatura, stanze sporche, prive di pavimenti, mobili e perfino letti; stoviglie ed accessori in pessime condizioni, bagni e docce fatiscenti ed in comune posti all’esterno della palazzina.

Durante l'attività finalizzata, tra l’altro, alla lotta alla contraffazione, le fiamme gialle hanno, anche, richiesto l’ intervento  di un ispettore dell’Asp di Cosenza, il quale ha effettuato un sopralluogo confermando le “precarie” condizioni igienico-sanitarie dei locali risultati, pertanto, incompatibili con le “normali condizioni di vita”.

I cittadini extra-comunitari sono stati, quindi, accompagnati presso la caserma della guardia di finanza, per essere identificati mediante rilievi foto-dattiloscopici.

Al termine di tali attività sono stati, dunque, individuati 7 cittadini stranieri privi di titolo di soggiorno. Complessivamente, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica due persone, che avevano affittato i locali, per il reato di “Favoreggiamento della permanenza illegale dello straniero nello Stato”, con conseguente sequestro (ai fini della confisca) degli immobili aventi una superficie di oltre 700 metri quadrati.

Cinque clandestini sono stati denunciati per il reato di “Ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato”, tre sono stati identificati, mentre altri due sono riusciti a scappare.

Infine, per altre due persone è scattata la denuncia per i reati di “Detenzione per la vendita di prodotti industriali recanti marchi contraffatti” e “Ricettazione”, ai quali sono stati sequestrati 409 prodotti, fra scarpe, borse, borsellini ed occhiali da sole, recanti marchi contraffatti.

Al fine di sottoporli a tassazione, in un secondo momento i finanzieri procederanno, anche, al calcolo dei canoni che i locatari hanno percepito “in nero”.

Sottoscrivi questo feed RSS