Incidente nel Vibonese, 67enne cade dal tetto mentre pulisce la canna fumaria. È grave

Grave incidente nella frazione Gasponi di Drapia, nel Vibonese, dove un 67enne, intento ad effettuare lavori di pulizia della canna fumaria della sua abitazione, ha perso l'equilibrio ed è precipitato al suolo battendo rovinosamente la testa.

Il pensionato è stato soccorso dai sanitari del 118, i quali hanno chiesto l'intervento dell'elisoccorso.

L'uomo è stato, quindi, trasportato all'ospedale di Catanzaro dove è stato ricoverato nel reparto di rianimazione.     

  • Pubblicato in Cronaca

Fiamme in un'autofficina del Vibonese, intervengono i vigili del fuoco

Un incendio, scoppiato per cause accidentali,  ha interessato, intorno alle 15.00 di oggi, un’autofficina attiva nella frazione Sant’Angelo del comune di Drapia.

Intervenuti tempestivamente sul posto, i vigili del fuoco del Comando provinciale di Vibo Valentia hanno impedito alle fiamme di propagarsi alle vetture ed agli pneumatici presenti nella struttura.

  • Pubblicato in Cronaca

Maltempo nel Vibonese, riunita l'unità di crisi

"Il Prefetto di Vibo Valentia coordina, dalla tarda mattinata di oggi, un'unità di crisi per monitorare gli effetti del maltempo in atto nel territorio provinciale di Vibo Valentia.
Particolarmente attenzionati i comuni di Spilinga, Ricadi, Joppolo, Drapia, Nicotera, Limbadi, San Calogero".

È quanto si apprende da una nota stampa diramata dalla Prefettura di Vibo Valentia.

Incidente nel Vibonese, un morto ed un ferito grave

Un morto ed un ferito grave. Questo il bilancio di un incidente stradale avvenuto questa mattina a Drapia, nel Vibonese.

Nell'impatto in cui, per cause ancora in corso d'accertamento, sono rimaste coinvolte due automobili, ha perso la vita S. M., di 55 anni, residente a Limbadi.

Ferite gravi, invece, per la donna al volante dell'altra auto, M.F., di 30 anni, che è stata portata nell'ospedale di Tropea.

Sul posto, oltre ai sanitari del 118, sono intervenuti i carabinieri ed i vigili del fuoco.

  • Pubblicato in Cronaca

Lieve scossa di terremoto al largo della costa Vibonese

Un terremoto di magnitudo ML 2.3 è stato rilevato pochi minuti prima dell'una di questa notte, al largo della costa Vibonese.

I sismografi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia hanno individuato l'ipocentro nelle acque del mar Tirreno, ad una profondità di 64 chilometri.

Tra i comuni più vicini all'area dell' epicentro figurano: Ricadi, Tropea, Drapia e Spilinga.

  • Pubblicato in Cronaca

Controlli nel vibonese: denunce, contravvenzioni e segnalazioni  

I carabinieri delle Compagnie di Vibo Valentia e Tropea hanno eseguito due servizi di controllo, che hanno interessato i territori comunali di Pizzo e Tropea.

In particolare, nella città napitina, i militari della locale Stazione hanno controllato 30 autoveicoli, identificato 40 persone, sottoposto a perquisizione 7 veicoli e 5 automobilisti, elevato 5 sanzioni al Codice della strada per guida senza cintura, mancata revisione e mancata assicurazione, con contestuale sequestro del veicolo.

Inoltre, un 60enne è stato deferito in stato di libertà per ricettazione, poiché durante una perquisizione sono stati trovati nella sua disponibilità i candelabri rubati il 3 febbraio scorso dalla chiesa dell’Immacolata. 

A Tropea, invece, i militari della locale Compagnia, coadiuvati dal Nil di Vibo Valentia e dal Nas di Catanzaro, hanno controllato due attività.

In particolare, in un bar-ristorante, dove è stato trovato un lavoratore in nero, i carabinieri hanno rinvenuto alimenti destinati al consumo umano (carne e pesce) in cattivo stato di conservazione. Inoltre, nel deposito destinato agli alimenti sono state riscontrate gravi carenze igienico-sanitarie.

In un altro bar, invece, i carabinieri hanno trovato un lavoratore in nero.

Inoltre, sono state deferite in stato di libertà due persone di 64 e 48 anni, trovate in auto con tre coltelli a serramanico.

Il 48enne è stato deferito, anche, per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità, poiché già destinatario di provvedimento di diniego di detenzione di armi in genere emesso dalla prefettura di Vibo Valentia.

Durante i controlli, i militari hanno segnalato alla prefettura di Vibo Valentia, quale assuntore di sostanze stupefacenti, uno 36enne, trovato in possesso di 7 grammi di marijuana.

A Drapia, invece, è stato deferito un operaio di 55 anni, accusato di furto di energia elettrica, nonché della detenzione di una pistola a salve, modificata per poter esplodere piccoli razzi.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Lieve scossa di terremoto nel vibonese

Lieve scossa di terremoto alle 5,08 di oggi, al largo della costa tirrenica Calabrese.

Il sisma, di magnitudo ML 2.1, è stato rilevato ad una profondità di 55 chilometri.

L'epicentro è stato individuato in prossimità dei Comuni di Vibo Valentia, Tropea, Parghelia, Drapia e Zaccanopoli.

  • Pubblicato in Cronaca

“Il Mediterraneo racconta….". Alla scoperta dei vecchi mulini e degli antichi grani del vibonese

Al via la II° edizione della manifestazione “Il Mediterraneo racconta…..” che , anche quest’anno, interesserà varie località del territorio vibonese, rendendo protagonisti i vecchi mulini e le antiche varietà di grano.

L’evento, organizzato dal Club per l’Unesco di Vibo Valentia e dall’Associazione MedEXperience, prenderà il via domani (lunedì 21 agosto) a Drapia e farà tappa a Tropea il 27 agosto, a Filadelfia il 28, a Capistrano il 30 ed infine l’1 settembre a Nicotera.

L'iniziativa è organizzata grazie agli enti ed alle associazioni presenti sui territorio. In particolare: l’Istituzione Castelmonardo di Filadelfia, l’Archeoclub di Vibo Valentia, Kalabria TV, l’Accademia della Dieta Mediterranea, il Centro Studi di Nicotera, l’Agriturismo Don Carlo, la Cooperativa Mani e Terra di Rosarno, l’Associazione Storico Culturale Libertas di Tropea, i proprietari degli antichi mulini, Loiacono, Mazzotta, Montuoro.

Nella miriade di eventi che hanno animato e continuano ad animare la stagione estiva, “Il Mediterraneo racconta…” si connota per una serie di caratteristiche che rendono l’evento unico e inimitabile. Il patrimonio storico, artistico, culturale, enogastronomico che conosce punte di eccellenza anche nel territorio vibonese, diventa protagonista di percorsi condivisi da comunità che, pur essendo figlie di una stessa madre, spesso non conosco i tratti identitari che le accomunano e che possono dare vita a processi virtuosi di dialoghi ed interscambi. Quest’anno, nel dialogo tra sfera istituzionale e mondo delle associazioni, il tema dei mulini con l’antica macina a pietra e le coltivazioni di grani autoctoni, sarà occasione di incontri, confronti e dibattiti su temi che riguardano la salute, l’agricoltura e lo sviluppo economico, l’archeologia industriale e gli spaccati di vita passata, ma anche presente e futura delle nostre comunità.

Notiamo con piacere”, dichiara la presidente del Club Unesco di Vibo Valentia, “che il lavoro paziente e tenace che portiamo avanti, anche a fronte di ostacoli che spesso derivano da atavici retaggi di subculture imperanti, raggiunge sempre nuovi traguardi e si proietta verso orizzonti sempre più ampi. I racconti del Mediterraneo, che abbiamo ideato lo scorso anno per dare voce e possibilità di espressione partecipata a patrimoni, troppo spesso negati o addirittura vituperati da personaggi di mala fede, quest’anno saranno in scena anche presso le comunità dei numerosi Calabresi residenti all’estero, grazie alla presenza della Web TV Kalabria TV e dell’Associazione MedExperience, nate, entrambe, con l’obiettivo prioritario di valorizzare e diffondere la nostra cultura mediterranea, ultramillenaria, in ogni angolo del Pianeta”.

Sottoscrivi questo feed RSS