Nascondeva 200 grammi di cocaina nel cassone del camion, arrestato

I carabinieri della Tenenza d'Isola di Capo Rizzuto (Kr), con l’ausilio dell’unità cinofila dello Squadrone eliportato “Cacciatori”, hanno tratto in arresto un 57enne di Cropani e denunciato il figlio 17enne alla Procura della Repubblica di Crotone. 

In particolare, i militari, durante un controllo ad un autocarro condotto dal 57enne, con l’aiuto del cane Black, hanno rinvenuto nel cassone, occultato tra diverse scatole, un involucro contenente 200 grammi di cocaina.

Nel corso della successiva perquisizione domiciliare, gli uomini dell'Arma hanno trovato 45 grammi di marijuana, nascosti in un “calcio balilla”, per i quali il figlio minorenne dell'arrestato è stato denunciato in stato di libertà.

Terminate le formalità di rito, il 57enne è stato associato presso la casa circondariale di Crotone.

  • Pubblicato in Cronaca

Droga, operazione "White cookies": 12 arresti

I carabinieri del Comando provinciale di Piacenza, coadiuvati dai reparti territorialmente competenti, hanno eseguito, nelle province di Piacenza, Milano, Pavia, Torino e Crotone, un’ordinanza di applicazione di misura cautelare nei confronti di 13 persone (9 straniere e 4 italiane) ritenute responsabili, a vario titolo ed in concorso tra loro, di traffico e spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare, il provvedimento emesso dal gip del Tribunale di Piacenza, su richiesta della locale Procura della Repubblica, ha disposto 9 custodie cautelari in carcere e 2 agli arresti domiciliari, nonché 2 obblighi di presentazione alla Pg.

L’operazione, denominata “White Cookies”, conclude un’indagine coordinata dalla locale Procura della Repubblica e condotta dalla Sezione operativa del Nor della Compagnia di Piacenza nel periodo compreso tra novembre 2018 e marzo 2019.

L’attività, che ha portato, tra l'altro, al sequestro di circa 400 grammi di cocaina ed eroina, ha permesso di disarticolare due distinti sodalizi criminali composti da spacciatori nordafricani e dai rispettivi referenti milanesi e da cinque italiani, le cui responsabilità ed il modus operandi sono stati documentati attraverso intercettazioni telefoniche.

  • Pubblicato in Cronaca

Sorpreso a cedere droga, 44enne finisce in manette

I carabinieri della Stazione di Crotone hanno arrestato un 44enne del luogo per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

L’uomo, è stato sorpreso dai militari mentre era intento a cedere un involucro contenente 9 grammi di marijuana a un 23 enne, che è stato segnalato alla Prefettura di Crotone come assuntore di sostanza stupefacente.

L’arrestato, terminate le formalità di rito, è stato posto ai arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.

In auto con 100 grammi di cocaina, arrestati

I militari della Compagnia di Cosenza hanno tratto in arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un 37enne ed un 36enne originari di Corigliano Calabro (Cs).

I due, durante un posto di controllo effettuato in prossimità dello svincolo autostradale, sono stati trovati in possesso di 100 grammi di cocaina pura.

In particolare, i militari hanno fermato una Mercedes Classe B, il cui conducente ha cercato di allontanarsi prima di essere bloccato da una seconda pattuglia impegnata in un servizio di supporto.

Il passeggero dell’auto, una volta capito di non poter evitare il controllo, sperando di non essere visto, avrebbe gettato dallo sportello del veicolo un involucro di colore bianco.

Gli uomini dell’Arma hanno quindi recuperato ciò che era stato buttato, rinvenendo una grossa pietra di cocaina dal peso di 100 grammi, dalla quale, con l’aggiunta di sostanze da taglio, si sarebbero potute ricavare circa 900 dosi che, vendute al dettaglio, avrebbero fruttato oltre 50 mila euro.

Nel corso dei successivi accertamenti effettuati in caserma, i carabinieri hanno scoperto che il 36enne era sottoposto a sorveglianza speciale.

Pertanto, al termine delle formalità di rito, i due sono stati associati alla casa circondariale di Cosenza.

Al termine dell’udienza di convalida, il 36 enne è stato trattenuto in carcere, mentre per l’altro arrestato è stato disposto l’obbligo di dimora nel comune di Corigliano (Cs).

 

Smantellato clan di narcotrafficanti, oltre 50 arresti

Quattrocento finanzieri del Comando provinciale di Roma, con il supporto di elicotteri e unità cinofile, hanno eseguito nel Lazio, in Calabria e in Sicilia, un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale capitolino, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di 51 persone (50 in carcere e una ai domiciliari), ritenute appartenenti a un’organizzazione criminale dedita al traffico di sostanze stupefacenti.

Il sodalizio avrebbe fornito di droga buona parte delle piazze di spaccio della Capitale.

Dall'indagine è emerso che il gruppo si sarebbe servito di una batteria di picchiatori per riscuotere i crediti.

  • Pubblicato in Cronaca

 Operazione Green Day, smantellata organizzazione dedita alla produzione di droga

I carabinieri del Ros, del Gruppo di Locri e dello Squadrone eliportato Cacciatori di Calabria, hanno dato esecuzione a otto misure cautelari, di cui quattro in carcere, nei confronti di Luca Benci, di 33 anni, Giorgio Violi (43), Salvatore Sainato (62), Vincenzo Sainato (38), e quattro obblighi di dimora nel comune di residenza nei confronti di  Cosimo Ursino (34), Vincenzo Lombardo (33), Domenico Jentile (48) e Massimiliano De Masi (46), tutti residenti nel comprensorio di Gioiosa Jonica.

Il provvedimento, emesso dal gip di Reggio Calabria, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, giunge al termine di una complessa indagine condotta dai militari dell’Arma, che ha permesso di disarticolare un’organizzazione dedita alla coltivazione di piantagioni di stupefacenti ed al relativo traffico.

I reati contestati a vario titolo da parte degli inquirenti riguardano l'associazione di stampo mafioso, l'associazione finalizzata al traffico illecito di sostanza stupefacente e l'estorsione aggravata dall’essere stato commessa da persone appartenenti ad associazione mafiosa.

In base alle attività condotte, gli uomini dell'Arma hanno accertato che i destinatari delle misure sarebbero contigui alla cosca Ursino di Gioiosa Jonica.

A dimostrazione della capacità operativa della consorteria, i militari dell’Arma hanno sequestrato in numerose perquisizioni oltre 5 mila piante di marijuana, circa due quintali di stupefacente e migliaia di semi pronti per essere interrati.

Infine, dalle risultanze delle indagini sarebbe emerso che uno degli indagati, figlio del capocosca, avrebbe perpetrato un’estorsione aggravata con le modalità di tipo mafioso nei confronti dei gestori di alcuni impianti di intrattenimento giunti a Gioiosa Jonica in occasione della festa patronale di san Rocco, imponendo la consegna sia di denaro per lo stazionamento delle giostre, sia di numerosi biglietti per l’importo di diverse migliaia di euro.

Gli arrestati sono stati tradotti presso la casa circondariale di Reggio Calabria.

  • Pubblicato in Cronaca

Marijuana nel camion, denunciato un autotrasportatore

Tabacco mischiato ad un grammo di marijuana.

È quanto hanno trovato gli agenti della polizia stradale, in un autoarticolato fermato per un normale controllo a Crotone.

Dopo aver sequestrato lo stupefacente, gli agenti, avendo fondati motivi di ritenerne verosimile lo stato d'alterazione psicofisica, hanno invitato l'autista, tale C.R., a sottoporsi ad accertamenti medico-clinici finalizzati a verificare l'eventuale assunzione di stupefacenti.

Il rifiuto dell'uomo è stato seguito dal ritiro della patente di guida, per la successiva sospensione della validità da sei mesi a due anni e dalla denuncia.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Sgominata organizzazione dedita alla produzione e al traffico di droga

I finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, con il coordinamento della locale Procura della Repubblica – Direzione distrettuale antimafia, hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale in carcere e agli arresti domiciliari, e reale di sequestro preventivo, nei confronti di 10 reggini, accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla produzione e al traffico di droga e di illecita detenzione, spaccio e produzione di sostanze stupefacenti.

I dettagli dell’operazione, denominata “Pollice Verde”, saranno resi noti nel corso della mattinata.

 

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS