Maxi piantagione di marijuana rinvenuta nel Vibonese

È la più grande piantagione di marijuana scoperta nel 2019 in tutta la Calabria, quella che i carabinieri delle Stazioni di Limbadi e Rombiolo hanno rinvenuto nascosta nella fitta vegetazione.

Dopo aver effettuato la scoperta, gli uomini dell'Arma hanno dichiarato in arresto i proprietari del terreno, G. M. e P.M., rispettivamente di 61 e 27 anni, entrambi di Limbadi, ritenuti contigui alla locale cosca di 'ndrangheta dei Mancuso.

I due sono stati posti ai domiciliari in attesa delle determinazioni dell'autorità giudiziaria. 

Le 2750 piante rinvenute, per un peso complessivo di oltre 2 tonnellate, una volta immesse sul mercato, avrebbero fruttato oltre otto milioni di euro

'Ndrangheta nel Vibonese: arrestati i boss Diego e Francesco Mancuso

I carabinieri delle Stazioni di Spilinga e Limbadi hanno tratto in arresto Diego e Francesco Mancuso, rispettivamente di 66 e 62 anni, ritenuti esponenti apicali dell’omonima consorteria di ‘ndrangheta.

L'arresto è stato richiesto dalla Procura generale presso la Corte d’appello di Catanzaro, in seguito alla decisione della Corte di cassazione che ha rigettato il ricorso proposto contro una sentenza di condanna risalente al 2013.

In particolare, Diego Mancuso è stato rintracciato ed arrestato a Ricadi; mentre Francesco Mancuso è stato localizzato a Limbadi.

Entrambi dovranno ora scontare sei anni di reclusione, in quanto condannati per il ruolo verticistico e per la partecipazione all’associazione mafiosa.

Dopo le formalità di rito, gli arrestati sono stati tradotti presso la casa circondariale di Vibo Valentia.

Cani molecolari e mezzi meccanici alla ricerca del corpo di Maria Chindamo

I carabinieri della Compagnia di Tropea e del Reparto investigazioni Scientifiche di Messina hanno effettuato una serie di battute, in località Montalto di Limbadi, finalizzate alla ricerca di Maria Chindamo, la donna scomparsa nel 2016 in circostanze misteriose.

I militari, coadiuvati dai cani molecolari della polizia di Stato, hanno cercato d'individuare elementi che possano permettere di dare una svolta al caso.

Nel corso delle attività, i carabinieri sono stati coadiuvati dai vigili del fuoco, che hanno impiegato mezzi meccanici al fine di individuare eventuali tracce anche nel sottosuolo.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Discarica abusiva scoperta nel Vibonese, una denuncia

Durante un normale servizio di controllo, i carabinieri di Limbadi hanno individuato una discarica abusiva allestita in una vallata raggiungibile attraverso alcune stradine interpoderali.

Nell'area, di circa 1400 metri quadrati, nel corso del tempo erano stati abbandonati rifiuti pericolosi, parti di carrozzeria di veicoli, motori e carcasse di autovetture.

Dopo aver sequestrato l'intera superficie, i militari hanno denunciato R.G. di 36 anni, perché ritenuto responsabili dei reati previsti in materia di discarica abusiva e per la gestione illecita di veicoli fuori uso.

  • Pubblicato in Cronaca

Fucile nascosto in un magazzino, padre e figlio in manette nel Vibonese

Due persone, padre e figlio di 85 e 43 anni, sono state tratte in arresto dai carabinieri della Stazione di Limbadi, con l'accusa di detenzione di arma clandestina.

In particolare, durante un normale servizio di controllo eseguito a casa degli arrestati, alle armi legalmente detenute, i militari hanno notato il nervosismo dei due uomini ed hanno deciso di effettuare una perquisizione.

Durante il controllo, in un piccolo magazzino ubicato nei pressi della casa, i carabinieri hanno rinvenuto, nascosto sotto un gruppo elettrogeno, un fucile sovrapposto Franchi calibro 12, con due cartucce e matricola abrasa.

Per padre e figlio è, quindi, scattato l'arresto in flagranza, per il reato di detenzione di arma clandestina.

Al termine delle formalità di rito, su disposizione dell’autorità giudiziaria, i due uomini sono stati posti ai domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida prevista per i prossimi giorni.

  • Pubblicato in Cronaca

Poiana salvata in Calabria

Accasciata a terra e con diverse ferite d'arma da fuoco. Questo lo stato in cui versava un'esemplare di poiana consegnato da un cittadino ai carabinieri della Stazione di Limbadi.

L’animale, appartenente ad una specie protetta, era stato rinvenuto nelle campagne di Limbadi, in seguito al tentativo di cattura effettuato da qualche bracconiere.

Una volta ricevutolo in consegna, i militari hanno prestato al rapace le prime cure, per poi affidarlo ad una struttura specializzata di Vibo Valentia.

Nei prossimi giorni la poiana sarà trasferita al C.R.A.S. (Centro recupero animali selvatici) di Catanzaro per completare l’iter riabilitativo, al termine del quale sarà liberata nelle campagne limbadesi.

  • Pubblicato in Cronaca

Incendio nel Vibonese, danneggiate due abitazioni

Due abitazioni sono state danneggiate da un incendio divampato questa mattina, nella frazione "Mandaroni" del Comune di Limbadi.

Secondo una prima ricostruzione, le fiamme sarebbero partite da una canna fumaria che ha coinvolto inizialmente un fabbricato disabitato.

Il tempestivo intervento dei vigili del fuoco del Comando provinciale di Vibo Valentia ha impedito alle fiamme di propagarsi anche all’abitazione adiacente, che ha riportato danni al tetto.  

Maltempo nel Vibonese, riunita l'unità di crisi

"Il Prefetto di Vibo Valentia coordina, dalla tarda mattinata di oggi, un'unità di crisi per monitorare gli effetti del maltempo in atto nel territorio provinciale di Vibo Valentia.
Particolarmente attenzionati i comuni di Spilinga, Ricadi, Joppolo, Drapia, Nicotera, Limbadi, San Calogero".

È quanto si apprende da una nota stampa diramata dalla Prefettura di Vibo Valentia.

Sottoscrivi questo feed RSS