Redazione

Redazione

URL del sito web:

Coronavirus: giornata nera in Calabria, 13 morti e 426 nuovi contagi

 
Tredici morti (5 a Reggio Calabria, 3 a Crotone, 2 a Cosenza, 2 a Catanzaro, 1 a Vibo Valentia), 251 guariti e 426 nuovi casi positivi.

Questi i dati giornalieri relativi all'epidemia da Covid-19 comunicati dal dipartimento Tutela della Salute della Regione Calabria.

Complessivamente, quindi, su 350.706 persone sottoposte a tampone dall'inizio della pandemia, 16.150 sono risultate positive.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

- Cosenza: casi attivi 3. 923 (125 in reparto Azienda ospedaliera Cosenza; 13 in reparto al presidio di Rossano e 9 al presidio ospedaliero di Cetraro; 17 in terapia intensiva, 3.759 in isolamento domiciliare); casi chiusi 886 (778 guariti, 108 deceduti).

- Catanzaro: casi attivi 1.655 (67 in reparto; 16 in terapia intensiva; 1.572 in isolamento domiciliare); casi chiusi 721 (659 guariti, 62 deceduti).

- Crotone: casi attivi 918 (39 in reparto; 879 in isolamento domiciliare); casi chiusi 507 (498 guariti, 9 deceduti).

- Vibo Valentia: casi attivi 697 (16 ricoverati, 681 in isolamento domiciliare); casi chiusi 244 (226 guariti, 18 deceduti).

- Reggio Calabria: casi attivi 3.511 (117 in reparto; 24 presidio ospedaliero di Gioia Tauro; 9 in terapia intensiva; 3.361 in isolamento domiciliare); casi chiusi 2.603 (2.529 guariti, 74 deceduti).

- Altra Regione o stato Estero: casi attivi 313 (313 in isolamento domiciliare); casi chiusi 172 (172 guariti, 1 deceduto).

I casi segnalati nelle ultime 24 ore sono così distribuiti: 71 in provincia di Reggio Calabria, 241 in provincia di Cosenza, 49 in provincia di Catanzaro, 59 in provincia di Crotone e 6 in quella di Vibo Valentia.

Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza su territorio regionale sono in totale 209.

 

Incidente nel Vibonese, interviene l'elisoccorso

Due auto sono rimaste coinvolte in un incidente stradale avvenuto oggi sulla Sp 17, all'altezza del bivio per Zungri (Vv).
 
L'impatto ha interessato una Peugeot 3008 ed una Toyota Rav4.
 
Ad avere la peggio è stato il conducente della Peugeot che dopo essere stato estratto dai vigili del fuoco dall'abitacolo nel quale era rimasto incastrato, è stato trasferito in elisoccorso all'ospedale di Catanzaro.
 
L'altro automobilista è stato, invece, soccorso dai sanitari del 118 che l'hanno condotto nel nosocomio di Vibo Valentia.

La quercia secolare della Tenuta Bocchineri vince il concorso fotografico "Rimettiamoci in cammino"

L’albero monumentale (quercia secolare) della Tenuta Bocchineri è risultato vincitore del Concorso fotografico "Rimettiamoci in cammino", indetto dal Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali.

Il concorso ha visto la partecipazione di più di 100 concorrenti con testi e fotografie.

In particolare la foto del "Rovere della Tenuta Bocchineri" si è classificata al terzo posto ex aequo. 

Dalle 13 fotografie vincitrici verrà tratto il Calendario Alberi monumentali d'Italia 2021 nel quale saranno pubblicati anche i testi descrittivi.

Imponenti le dimensioni della quercia che ha una circonferenza alla base da 4,5 a 5,5 metri; un’altezza di 28 metri e un diametro medio chioma di 25 metri.

Covid-19, l'annuncio di Spirlì: "La Calabria entra in zona arancione"

«Ho appena ricevuto le telefonate del premier Conte e dei ministri Speranza e Boccia, i quali mi hanno comunicato che la Calabria sarà dichiarata, tra qualche ora, zona arancione. È un premio al comportamento dei calabresi che, pur continuando a resistere di fronte a una emergenza nell’emergenza covid, quasi sconfortati, stavano perdendo la loro storica capacità di resistere agli assalti più cruenti e alle ingiustizie più mortificanti».

Lo dichiara il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì.

«La continua interlocuzione con il governo centrale e la reciproca disponibilità alla collaborazione – aggiunge Spirlì – hanno fatto sì che questo piccolo miracolo istituzionale potesse avvenire. Cosa cambierà, dalle prossime ore in poi? Tanto, ma anche poco. Tanto, perché, finalmente, le attività commerciali potranno riaprire, alzando le saracinesche e accogliendo i clienti; poco, perché sarà comunque necessario mantenere lo stesso rigore nel seguire le norme sul distanziamento sociale, nell’uso dei dispositivi di protezione individuale e nel rispetto dei vari divieti, tra cui quelli relativi agli spostamenti e al coprifuoco».

«I calabresi – continua il presidente della Regione – dovranno continuare a dimostrare quella maturità civica che li ha contraddistinti, in modo eccellente, fino a oggi. Il Covid-19 è un virus che non fa prigionieri, per cui arrendersi con superficialità alle sue insidie potrebbe diventare letale, soprattutto per i più deboli tra noi. E se, nonostante le evidenti mancanze, il nostro sistema sanitario ha retto – e bene – è solo per la grande capacità dei medici, degli infermieri e degli operatori, di ogni ordine e grado, e per il coraggio politico che abbiamo dimostrato nell’assumerci le responsabilità derivanti dall’assenza del commissario governativo».

«Continuiamo così, perché il fine ultimo – la guarigione dei contagiati, la tutela di chi non ha incontrato il virus, il rifiorire delle attività commerciali, artigianali, industriali, artistiche – possa essere raggiunto nel più breve tempo possibile. Per il momento – conclude il presidente Spirlì –, prendiamo atto delle decisioni del Governo e ci auguriamo che questa amichevole considerazione possa continuare ancora».

Sottoscrivi questo feed RSS