Maxi piantagione di marijuana rinvenuta dai carabinieri nel Vibonese: arrestati in due

I carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia con il supporto di quelli dello Squadrone Eliportato “Cacciatori” e del Nucleo Elicotteri di Vibo Valentia hanno tratto in arresto due soggetti del luogo: Luciano  Gramendola di 20 anni e Domenico Cugliari di 34 anni, entrambi già noti alle forze dell’ordine. I carabinieri, nel corso di un servizio di rastrellamento eseguito in agro di Sant’Onofrio, hanno rinvenuto l’enorme piantagione di canapa indiana: 800 piante in perfetto stato di conservazione alte oltre il metro. Atteso l’enorme quantitativo di piante gli uomini della Stazione di Sant’Onofrio unitamente ai colleghi dello Squadrone Cacciatori si sono appostati e hanno iniziato un servizio di osservazione finalizzato ad individuare i soggetti che si occupavano della cura degli arbusti. L’attesa non è risultata vana e a metà mattinata i due giovani si sono avvicinati alle piante e, vista la forte calura di questi giorni, hanno provveduto ad azionare l’impianto d’irrigazione industriale istallato per annaffiare le piante. A quel punto i carabinieri sono usciti allo scoperto e hanno bloccato i soggetti. Accompagnati presso la Stazione carabinieri di Sant’Onofrio i due sono stati dichiarati in arresto per il reato di coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti. Le piante di marijuana, che terminate le operazioni di campionatura saranno estirpate e distrutte, una volta lavorate ed immesse sul mercato della droga avrebbero fruttato diverse migliaia di euro. Il rinvenimento odierno rappresenta uno dei più importanti sequestri eseguiti nella provincia di Vibo Valentia negli ultimi anni.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.