'Ndrangheta, latitante calabrese arrestato a Siracusa

Nella notte appena trascorsa, i carabinieri dell’aliquota Operativa della Compagnia di Siracusa hanno arrestato, in esecuzione di due ordinanze di custodia cautelari in carcere, Vincenzo Alvaro, classe 1972, originario di Sinopoli (RC), appartenente all’omonimo clan, pluripregiudicato per i reati di rapina, estorsione, armi e stupefacenti. Da alcuni mesi, per sottrarsi all’esecuzione delle due misure, l'uomo si era nascosto all’interno di un’abitazione di Belvedere, evitando il più possibile contatti con l’esterno. Grazie alla conoscenza del territorio, a seguito di una breve, ma intesa attività d’indagine,  i militari dell'Arma sono riusciti ad individuare l'abitazione in cui si nascondeva il 44enne. All’interno della casa sono stati rinvenuti più di 10 mila euro in banconote da 50 euro, che Alvaro utilizzava per le diverse spese che doveva affrontare nella clandestinità. Le due ordinanze di custodia cautelare in carcere rappresentano l’esito di due distinte indagini condotte, rispettivamente, dal GOA della Guardia di Finanza di Catanzaro che vedevano l'arrestato denunciato, insieme ad altri 34 soggetti, per associazione finalizzata al traffico internazionale di ingenti quantitativi di cocaina proveniente dal Sud America e dalla Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Genova, per detenzione e traffico di cocaina proveniente dal Perù e nascosta all’interno di container. Al momento della cattura, Alvaro non ha opposto alcuna resistenza. Dopo essere stato tradotto presso gli uffici dell’aliquota Operativa per l'espletamento delle incombenze di rito, è stato associato alla casa circondariale di Siracusa così come disposto dalle Autorità giudiziarie mandanti. Allo stato sono in corso ulteriori indagini finalizzate ad individuare le dinamiche, nonchè  la rete di persone che hanno favorito la lalatitanza dell'arrestato.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.