Appropriazione indebita nel vibonese, avviso conclusione indagini per 16 persone

Appropriazione indebita e violazione del Testo unico del sistema bancario. Queste le accuse nei confronti di 16 persone cui la Procura della Repubblica vibonese ha comunicato l'avviso di conclusione delle indagini nell'ambito dell'inchiesta finalizzata ad accertare eventualità irregolarità nella gestione dell'ex Banca di credito cooperativo di  Maierato.

L'indagine è scattata nel 2015, in seguito agli accertamenti condotti dagli uomini del Nucleo polizia valutaria della Guardia di finanza di Reggio Calabria. I finanzieri avevano passato al setaccio atti e documenti al fine di verificare l'esistenza di presunte irregolarità emerse nel corso di un'ispezione della Banca d'Italia, i cui esiti erano stati trasmessi alla Procura di Vibo Valentia. 

L'indagine si riferisce al periodo antecedente la fusione della banca con la Bcc di San Calogero.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.