Omicidi di 'ndrangheta nel vibonse, arrestati i responsabili

La Polizia di Stato, a conclusione di complesse attività d’indagine condotte dalle Squadre mobili di Catanzaro e Vibo Valentia e dal Servizio centrale operativo di Roma, con il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di otto persone ritenute responsabili degli omicidi di Mario Franzoni e Giuseppe Pugliese Carchedi.

L’operazione,  denominata “Outset", ha permesso di fare luce sui due agguati di mafia, consumati nel vibonese oltre dieci anni addietro.

In particolare, Mario Franzoni venne assassinato, nel 2002, nella frazione Porto Salvo di Vibo;  Carchedi, invece, fu ucciso, nell’agosto del 2006, mentre, a bordo della sua auto, stava percorrendo un tratto della Ss 522 compreso  tra Vibo Marina e Pizzo Calabro.

Le attività d’indagine, supportate anche dalle dichiarazioni rese dai collaboratori di giustizia, Giuseppe Giampà, Raffaele Moscato, Pasquale Giampà, Andrea Mantella, hanno permesso di fare luce, oltre che sui moventi degli omicidi, anche sui mandanti e sugli esecutori materiali.

Maggiori dettagli verranno forniti nel corso di una conferenza stampa alle 11 alla Questura di Vibo Valentia con la presenza del Procuratore Capo di Catanzaro Nicola Gratteri.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.