Fabrizia, "Ramoscello d'Ulivo": "Il sindaco Fazio sta bluffando sulla chiusura dello SPRAR"

Antonio Minniti Antonio Minniti

Riceviamo e pubblichiamo una dura nota stampa da parte del Gruppo consiliare di minoranza "Per Fabrizia Ramoscello d’Ulivo", guidati da Antonio Minniti, nei confronti del sindaco Fazio e della sua maggioranza sulla questione "SPRAR".

“Sulla chiusura del centro "SPRAR" di Fabrizia, il Gruppo consiliare “Per Fabrizia Ramoscello d’Ulivo" ha mantenuto, fino a questo momento, un profilo basso, consapevole che la problematica l’affrontassero positivamente l’Amministrazione comunale ed il soggetto gestore "CORISS", a salvaguardia, prima di tutto, della struttura di accoglienza, a difesa dei livelli occupazionali e dei benefici dell’indotto commerciale locale”. E’ quanto affermano i consiglieri comunali di minoranza.

“Immotivatamente, ed a seguito delle giuste rivendicazioni degli operatori di difendere il proprio posto di lavoro (verrebbero meno, infatti, 8 posti di lavoro), il Sindaco Fazio, con un articolo di stampa insinuante presunte responsabilità della precedente Amministrazione, quindi anche le sue stesse per averne fatto parte integrante nel duplice ruolo prima di assessore e poi di consigliere di maggioranza, coglie il pretesto per chiudere "Villa Fabrizia", fiore all’occhiello dell’accoglienza per minori non accompagnati. Ma c’è di più per rimanere allibiti! Fazio è anche sindacalista e, anziché schierarsi a fianco degli 8 lavoratori e dei commercianti locali, con delibera di Giunta n. 51 del 12/07/2017, dispone la chiusura del Centro senza preoccuparsi più di tanto delle conseguenze nefaste di una simile scellerata decisione in palese contrasto con il suo programma amministrativo che mette al primo posto la creazione di lavoro quale premessa per lo sviluppo di Fabrizia.

Peraltro, l’attuale maggioranza con una volgare ed offensiva mistificazione parolaia, al limite della diffamazione, da un lato accusa la precedente Amministrazione di non avere improntato il suo operato a criteri di trasparenza e legalità, Sindaco Fazio compreso, e dall’altro dichiara di voler perseguire gli stessi principi, di trasparenza e legalità, con Fazio a capo dell’attuale Amministrazione, cioè con colui che gli stessi principi avrebbe violato quale componente della precedente maggioranza. La verità è che sullo ‘SPRAR’ più di qualcuno sta bluffando! Uno è il Sindaco Fazio che non ha avuto il coraggio di assumersi le proprie responsabilità sulla proroga tecnica. L’altro è il gruppo che lo sostiene strumentalizzandolo e tenendolo in pugno".

Rivolgendosi al capo della maggioranza i consiglieri continuano ancora dicendo: "Sindaco e sindacalista Fazio, 8 lavoratori e rispettive famiglie dall’1 agosto 2017 perderanno il posto di lavoro, ed i commercianti di Fabrizia non forniranno più le loro merci al Centro. Tutto ciò non è sufficiente ad interrogare la tua coscienza di sindacalista che dovrebbe essere sempre pronto a battersi per la tutela dei posti di lavoro a favore di chi rischia di perderli? Tra l’altro nell’articolo di stampa, contenente volute inesattezze inserite dagli estensori, si esorta gli operatori di "Villa Fabrizia" a stare tranquilli, mentre pende sulla loro testa una spada di Damocle, che il Centro riapre, ma chi lo sa quando, come, dove e con chi? Certo è, invece, che dall’1 agosto i ragazzi saranno trasferiti e gli 8 dipendenti, 5 di Fabrizia e 3 di fuori, si troveranno a cercare lavoro in una terra dove il lavoro non c’è e dove chi dovrebbe tutelare i pochi posti presenti sul territorio gioca ad una guerra al massacro.

Quanto poi alle pesanti illazioni che emergono dall’articolo, nessuno è stato in grado di fare bene il proprio lavoro: non lo è stata la precedente Amministrazione che avrebbe perpetrato i propri interessi politici e di casta; non lo è stata la cooperativa "CORISS" nei confronti della quale l’attuale Amministrazione nutre dubbi; non lo è stato neppure il Servizio Centrale del Ministero che non avrebbe sufficientemente vigilato”. “Risponderemo nel merito in modo circostanziato e qualora si dovessero ravvisare profili di responsabilità per diffamazione procederemo per via legale. Ci preme, invece, sottolineare come l’obiettivo della nuova Amministrazione sia quello di distruggere tutto ciò che di buono ruota attorno al Centro, a partire da un lavoro portato avanti con serietà ed impegno e sul quale non ci ha pensato su tre volte a travolgere, chissà per quali inconfessati interessi e reconditi motivi, con quella stessa forza distruttrice, tutto ciò che era stato costruito anche con il contributo del Sindaco Fazio, che sull’avvio e gestione dello "SPRAR" ha partecipato assieme alla precedente maggioranza senza alcun distinguo o presa di distanza. E poi la beffa! Tali comportamenti sono propri di quella lista di giovani che dice di credere nel futuro, nel progresso e nella importanza del lavoro, e che al contrario tenta di distruggere quel che esiste anziché migliorare andando oltre. Pertanto, come gruppo consiliare "Per Fabrizia Ramoscello d’Ulivo",  avanziamo una proposta concreta: convocare immediatamente un Consiglio Comunale con all’ordine del giorno la proroga tecnica dello "SPRAR", in attesa dell’aggiudicazione del servizio, dando tutta la nostra disponibilità a votare favorevolmente assieme alla maggioranza l’approvazione dell’atto deliberativo, nell’ambito di comuni responsabilità a tutela degli 8 lavoratori che altrimenti perderanno il posto di lavoro.

Ed infine, l’argomento "SPRAR" si presta ad una prima considerazione politica sulla nuova maggioranza. La decisione di chiudere il Centro non è un fatto rivoluzionario e nemmeno una gara a chi è più bravo per raggiungere l’obiettivo quando non pensa al popolo, al suo lavoro e alle molte diseguaglianze che si alimentano con la perdita delle opportunità occupazionali. Al contrario si provocano solo danni a chi si mette in mezzo ad una strada per incomprensibili capricci e rivalse personali. Cancellare il passato non è mai possibile specie se la sua rievocazione anziché animare una critica, sempre legittima, serve a scivolare nel dileggio”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.