Gerocarne, Papillo: "una scuola moderna e del tutto rinnovata"

Papillo Vitaliano, sindaco di Gerocarne Papillo Vitaliano, sindaco di Gerocarne

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa del sindaco di Gerocarne, Vitaliano Papillo, riguardo i lavori di ammodernamento della scuola portati a termine dalla propria Amministrazione.

"Una scuola tutta nuova, "green", ristrutturata sia all’esterno che all’interno, sicura, accogliente, climatizzata, riarredata, energeticamente autonoma e dotata di strutture sportive moderne e all’avanguardia è pronta per il taglio del nastro del prossimo 14 settembre. E' quello che annuncia Papillo, continuando-  Con la ristrutturazione dei bagni, infatti, non vi è angolo della struttura in cui non abbiamo messo mano, utilizzando risorse per quasi un milione di euro. Per la gioia dei nostri bambini e ragazzi, che trascorreranno più confortevolmente le loro ore di lezione, e dei loro genitori, tranquilli di averli mandati in una scuola sicura e attrezzata, motivo di vanto per noi che dedichiamo gran parte delle nostre attenzioni alle nuove generazioni, il futuro di questo paese.

Una scuola “connessa” alla modernità con il wi-fi e rispettosa dell’ambiente, climatizzata sia d’inverno che nei mesi più caldi con un impianto a pompa di calore che, insieme alla totale sostituzione delle lampade con altre a risparmio energetico, consentirà un taglio di migliaia di euro di gestione, anche grazie all’impianto fotovoltaico da 250 mila euro che abbiamo fatto installare sull’edificio per renderlo energeticamente autonomo. Quanto a sicurezza siamo intervenuti eseguendo le prove di staticità e riqualificando il piazzale esterno, con il rifacimento della recinzione, il taglio di alberi pericolanti, il ripristino dei marciapiedi e la videosorveglianza, che garantirà la piena tranquillità anche in cortile.

Abbiamo reso più confortevole la nostra scuola sostituendo in toto banchi, sedie ed infissi e, per rendere più completa e salutare la formazione, i nostri giovani potranno contare su due adiacenti strutture sportive, anch’esse del tutto nuove: la palestra e un campo di calcetto in erbetta sintetica. Abbiamo ereditato una scuola in totale abbandono e l’abbiamo trasformata nel fiore all’occhiello del comprensorio di cui andare fieri, a dimostrazione che le cose le facciamo e le facciamo bene. Un invito, questo, alla riflessione, al di là delle appartenenze politiche."

Il sindaco conclude anticipando: "E non finisce qui perché stiamo per presentare un progetto per l’abbattimento delle barriere architettoniche che, se finanziato, consentirà di adeguare la scuola anche sotto questo importante aspetto".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.