Catalogna, e oggi le comiche

Da martedì sera, sentite notizie dalla Catalogna, sto frugando nella mia non poca conoscenza della storia umana, per vedere se trovo un fatto più o almeno altrettanto grottesco. Qualcuno mi viene,

  • Quando il duca Vittorio Amedeo II di Savoia, dal 1713 re di Sicilia, poi, per scambio, di Sardegna, decise di abdicare, poi si annoiò della vita di pensionato e voleva tornare re, finendo i suoi giorni sostanzialmente in galera;
  • Quando Federico d’Aragona, re di Napoli, si affidò al re di Francia contro il cugino aragonese, e morì portando l’odiatissimo titolo di duca d’Angiò;
  • Quando Sigismondo III re di Svezia e di Polonia, poco mancò non dichiarasse, nella duplice veste, guerra a se stesso;
  • Quando, dopo la Cattività avignonese, regnarono assieme tre papi…

 Sì, sono episodi strambi, però mai quanto un parlamento che nello stesso minuto proclama l’indipendenza della Catalogna e la sospende per dialogare con la Spagna da cui si rende indipendente. Così parlò… balbettò Puigdemont. Troppa Sangria!

 E lo so che la questione è complicata, però ciò non autorizza a far ridere il mondo.  Se uno non ha i baffi, non se ne esce con dichiarazioni roboanti! Forse non è chiaro, a Puigdemont, cosa sia l’indipendenza, e perciò la formazione di uno Stato. Esempi recenti:

  • Svanita l’Urss, sono venuti alla luce, per restare all’Europa, Bielorussia, Estonia, Lettonia, Lituania, Moldavia, Russia,  Ucraina, tutti Stati, ciascuno con capitale, esercito…
  • Bulgaria, Polonia, Romania, Ungheria divennero indipendenti di fatto, da protettorati russi che erano; la Germania Est sparì; la Cecoslovacchia si scisse in due Stati; la Iugoslavia, fu un reciproco massacro;
  • Facciamo un esempio lontanissimo: nel 1999, con una rimasta misteriosa partecipazione dell’Italia, divenne indipendente Timor Est.

  Invece la Catalogna è ad indipendenza sospesa. Per quanto, sospesa? Un giorno, un mese, un anno, un secolo… a mai! La mia mitica bisnonna, ripetendo a ogni passo “Muoio da un momento all’altro”, visse 98 anni. Mastro Nicola, invece, si era votato per una giornata di digiuno, e a chi gli chiedeva quando, rispondeva “Domani”. Abusato è il ricordo di Bertoldo, che doveva scegliere l’albero cui essere impiccato, e non ne trovò mai di suo gradimento uno!

 Forse la faccenda spagnola finirà nella tragedia, però l’inizio è comico!

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.