'Ndrangheta: catturato elemento di spicco di una cosca. Era latitante da due anni

I carabinieri del Gruppo di Gioia Tauro e dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Calabria, con il supporto del Nucleo elicotteri di Vibo Valentia, hanno catturato ii latitante Girolamo Facchineri, di 52 anni.

L'uomo, ritenuto elemento di spicco dell'omonima cosca operante a Cittanova e nelle zone limitrofe, era latitante dal luglio 2016, quando si era sottratto all’esecuzione del fermo di indiziato di delitto emesso dalla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, poiché accusato di aver favorito la latitanza di due esponenti di vertice delle cosche operanti nell’area tirrenica reggina.

La cattura di Facchineri rappresenta l'epilogo di un' articolata indagine avviata nell'ottobre del 2017, con il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria.

Gli investigatori del Gruppo di Gioia Tauro, con l'ausilio dei Cacciatori di Calabria, hanno sviluppato le prime informazioni e monitorato le persone vicine al 52enne.

I militari hanno, così, individuato l’impervia area aspromontana, tra Cittanova e San Giorgio Morgeto, in cui, tra la fitta vegetazione, era stato allestito un casolare abbandonato che dava rifugio al ricercato.

Una volta bloccato dai carabinieri, l'uomo non ha opposto alcuna resistenza.

Nel casolare, ubicato in contrada Longo di Cittanova, sono stati rinvenuti visori notturni, binocoli, ricetrasmittenti, una pistola scacciacani, un boiler per l’acqua calda e pannelli solari per la produzione di energia elettrica.

Già condannato in primo grado nell’ambito del procedimento che ha originato l’odierno arresto, Faccineri è imputato in secondo grado di giudizio per i reati di associazione di tipo mafioso e favoreggiamento personale aggravato e dovrà attendere l’esito del processo in carcere.

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.