Imprenditore non versa l'Iva, confiscati beni per oltre 360 mila euro

I finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione ad un provvedimento di confisca per equivalente, per un valore superiore a 360 mila euro.

La misura è stata emessa dalla Corte d’appello di Reggio Calabria, nei confronti di un imprenditore condannato per il reato di omesso versamento dell'Iva.

Il provvedimento, eseguito dalla Compagnia di Palmi sotto il coordinamento della locale Procura della Repubblica, scaturisce da un’attività d’indagine eseguita nei confronti di un’impresa individuale operante nel settore del trasporto merci su strada, il cui titolare ha omesso di versare l’Imposta sul valore aggiunto, dovuta in base alla dichiarazione annuale relativa all’anno d’imposta 2010, per un importo di oltre 361 mila euro.

In esecuzione del decreto di confisca, le fiamme gialle hanno cautelato diversi conti correnti e beni mobili, nella disponibilità dell’imprenditore.

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.