Omicidio Soumalya Sacko, i carabinieri cercano l'arma del delitto

Soumalya Sacko Soumalya Sacko

I carabinieri della Compagnia di Tropea e dello Squadrone eliportato Cacciatori di Calabria hanno effettuato numerose perquisizioni e rastrellamenti nelle aree limitrofe al luogo in cui, lo scorso giugno, è stato ucciso Soumalya Sacko.

Obiettivo dei militari è il ritrovamento dell’ultimo tassello investigativo, ovvero l’arma del delitto.

In particolare, gli investigatori hanno cercato il fucile da caccia, che sarebbe stato utilizzato da Antonio Pontoriero per esplodere i colpi che hanno raggiunto il giovane maliano.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.