'Ndrangheta, operazione "Ares": si costituisce uno degli indagati

I carabinieri del Nucleo investigativo del Gruppo di Gioia Tauro e della Tenenza di Rosarno, hanno eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di delitto, emesso nell’ambito dell’operazione Ares, a carico di Cristian Pagano, 38enne di Rosarno.

L'uomo si è presentato presso il comando Gruppo dei Carabinieri di Gioia Tauro, accompagnato dal proprio legale di fiducia.

Sul conto di Pagano grava l’accusa di aver fatto parte di un’associazione finalizzata all'importazone dal Sud America, di ingenti quantitativi di cocaina e dalla Spagna, di notevoli quantitativi di hashish.

Per gli investigatori, il 39 enne avrebbe offerto supporto logistico agli emissari della cosca inviati nei paesi dell’America Latina, specie in Colombia, dove trattavano le partite direttamente con i narcos dei cartelli colombiani.

Dopo le formalità di rito, Pagano è stato trasferito nel carcere di Reggio Calabria Arghillà.

 

 

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.