Deposito incontrollato di rifiuti, due fratelli denunciati nel Vibonese

L'area sulla quale i carabinieri hanno trovato i rifiuti zootecnici, a Caroni di Limbadi L'area sulla quale i carabinieri hanno trovato i rifiuti zootecnici, a Caroni di Limbadi

I militari della Stazione di Limbadi, del Nas di Catanzaro e del Comando Gruppo carabinieri forestali di Vibo Valentia, hanno sottoposto a controllo due aziende agricole di Caroni di Limbadi, di proprietà di due fratelli di 53 e 52 anni.

Nel corso della loro attività, gli uomini dell'Arma hanno riscontrato che, in un’area di loro proprietà, entrambi i fratelli avrebbero scaricato illegalmente 60 metri cubi di rifiuti zootecnici posti direttamente a contatto con il suolo.

Per tale ragione, i due imprenditori sono stati deferiti all'autorità giudiziaria. Contestualmente, i militari hanno posto sotto sequestro il terreno sul quale sono stati individuati i rifiuti.

Infine, dal controllo ai capi di bestiame di proprietà dei due fratelli, sarebbe emerso che molti degli ovini, anche di età superiore ai 6 mesi, non avevano i boli ruminali, necessari al “censimento” dell’animale e per testarne la sicura provenienza.

Pertanto, oltre ad elevare una sanzione di 3 mila euro, i carabinieri hanno effettuato il sequestro di 223 ovini.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.