I presidenti d'Italia e Albania a San Demetrio Corone per il 550° anniversario della morte di Skanderberg 

Si è svolto questa mattina, nella splendida cornice del Collegio Italo-Albanese “Sant’Adriano” di San Demetrio Corone, lo storico incontro tra il presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella e quello della Repubblica d'Albania Ilir Meta.

Giunto nel comune arbëreshë in mattinata, Mattarella è stato accolto del prefetto Paola Galeone, dal presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, dal presidente della Provincia, Franco Iacucci e dal sindaco di San Demetrio Corone, Salvatore Lamirata.

L’occasione della celebrazione del 550° anniversario della morte dell’eroe nazionale Giorgio "Castriota" Skanderberg è stata la circostanza che ha portato i due capi di Stato nel ridente paesino e che ha dato la possibilità a tutta la comunità arbëreshë, rappresentata anche dai sindaci dei comuni italiani dell’Arberia, di vivere con grande partecipazione la commemorazione della morte di Skandemberg, avvenuta nel 1468.

Presenti all’evento, tra le altre autorità ed i vertici delle forze dell’ ordine, anche 40 sindaci dei paesi arbëreshë di tutta Italia.

Il programma della manifestazione ha previsto, dopo l’incontro privato dei due presidenti, un saluto con le due delegazioni italiana ed albanese ed un breve colloquio con i sindaci dei 40 comuni arbëreshë presenti.

Nel chiostro del Collegio gli studenti hanno omaggito i due capi di Stato con un momento musicale, che ha fatto da cornice allo scoprimento della targa intitolata a Giorgio "Castriota" Skandemberg.

Successivamente, il cuore della cerimonia si è svolto nella Sala Teatro del Collegio Sant’Adriano.

Dopo l’esecuzione dei due inni nazionali il presidente della Regione Calabria, il presidente della Provincia di Cosenza ed i sindaco di San Demetrio Corone hanno salutato i due capi di Stato con un discorso.

Al termine dell’evento, la bellezza dei luoghi e dei monumenti hanno portato i due presidenti ad una visita guidata nella chiesa dedicata ai Santi Adriano e Natalia.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.