'Ndrangheta: intestazione fittizia di beni, tre arresti

I finanzieri del Comando provinciale di Bologna e dello Scico (Servizio centrale investigazione criminalità organizzata) di Roma hanno eseguito, in Calabria, Emilia–Romagna e Lazio, un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 3 persone ritenute contigue alla cosca Iamonte di Melito di Porto Salvo (Reggio Calabria).

I destinatari della misura sono accusati d'intestazione fittizia di beni, con l’aggravante del fine di voler agevolare l’attività dell’organizzazione ‘ndranghetistica.

Durante l'operazione, che ha portato al sequestro di beni per circa 8,5 milioni, sono state effettuate diverse perquisizioni.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.