"Senza grazie", il volume di Pino Sassano sarà presentato a Più libri più liberi

La copertina del volume "Senza grazie" La copertina del volume "Senza grazie"

Il caso editoriale “Senza Grazie”, raccolta di racconti di Pino Sassano diventata poi uno spettacolo teatrale intitolato Bookshow, fa tappa a Roma, nell’ambito della prestigiosa fiera del libro Più libri più liberi, dopo gli appuntamenti di Cosenza, Napoli e Milano (all’interno del BookCity).

Il volume, pubblicato da Infinito edizioni, sarà presentato dall’autore insieme a Leon Pantarei, Maria Frega, Nicola Zamperini e Francesco De Filippo, domenica 9 dicembre, alle 10,30 in sala Antares, nell’ambito della fiera della piccola e media editoria, che si svolge presso il Roma Convention Center La Nuvola, di viale Asia.

Il volume è ambientato nella metropolitana di Londra, una delle più grandi “metropoli italiane”, se è vero che ci vivono un quarto di milione di nostri connazionali. I passeggeri affrontano il loro viaggio interiore nell’underground della capitale britannica nell’indisponibilità di comunicazione con gli altri e di conseguenza, senza “grazie” da dover scambiare con i passeggeri. Come “senza grazie” – sans serif – è il carattere tipografico della London Underground, ideato ad hoc nel 1916. Un carattere privo di elementi che segnano i tratti terminali delle lettere, chiamati appunto “grazie”. Tratti terminali, che rimandano al carattere dei personaggi, simbolici del periodo dis-grazia(to) che viviamo.

Pino Sassano in"Senza Grazie" attraversa Londra con la sterminata rete metropolitana, che aiuta ad incontrare persone capaci di rispecchiare le mille sfaccettature dell’animo umano.

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.