Introducono armi in area protetta, denunciati due cacciatori

I fucili sequestrati a Longobucco I fucili sequestrati a Longobucco

Due uomini, uno di Cosenza e l’altro di Zumpano sono stati denunciati dai carabinieri forestale del Reparto Parco nazionale della “Sila” per introduzioni di armi in area protetta.

Durante un servizio di controllo del territorio mirato alla prevenzione del bracconaggio, i militari delle Stazioni Parco di Mezzocampo-Savelli, Camigliatello, Zagarise e Cotronei hanno rinvenuto, in località Santa Barbara nel Comune di Longobucco, in area ricadente in zona “2” del Parco della Sila, un fuoristrada con al suo interno, posizionati sul sedile posteriore due fucili da caccia con relativo munizionamento, oltre a tre cani solitamente usati per la caccia alla beccaccia.

I due uomini sono stati individuati, invece, in un immobile nelle vicinanze dell’autovettura, parcheggiata in un’area recintata.

Dagli accertamenti effettuati, è emerso che uno dei proprietari dei due fucili rinvenuti nell’autovettura era anche sprovvisto di licenza di caccia.

Il trasporto delle armi, per il regolamento del Parco, è autorizzato solamente lungo le strade statali, provinciali e comunali dell’area protetta.

I carabinieri forestali hanno, quindi, proceduto al sequestro delle armi e delle cartucce a “piombo spezzato” rinvenute all’interno dell’abitacolo e alla denuncia alla Procura della Repubblica competente di Castrovillari dei due uomini per introduzione di armi all’interno del Parco nazionale della Sila. 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.