Trasversale delle Serre, ex 110 e viabilità vibonese: la voce dei cittadini oggi su Rai 3

 I ritardi nei tempi di realizzazione della Trasversale delle Serre, la frana che ha distrutto la ex statale 110 e la questione più generale della viabilità nel Vibonese.

Questi i temi al centro di due servizi in onda oggi nelle principali edizioni del Tgr di Rai Tre (ore 14.00 e 19.30).

La giornalista Ilaria Raffaele, accompagnata dall'operatore Raffaele Lo Giudice, ha intervistato proprio stamani sui cantieri di Monte Cucco il presidente in carica del comitato civico “Trasversale delle Serre - 50 anni di sviluppo negato”, Fioravante Schiavello, e il suo predecessore, Francesco Pungitore.

Entrambi hanno ribadito “la condizione drammatica di isolamento” del territorio in questione. Schiavello ha ricordato “le tappe mancate” e “le promesse disattese” del cronoprogramma fornito da Anas nei mesi scorsi, con riferimento al chilometro di nuova superstrada tra Cimbello e Monte Cucco.

“Prima si parlava di fine dicembre, adesso siamo arrivati alla nuova data di fine febbraio - ha rimarcato il presidente. - Ma anche su questo nuovo traguardo nutriamo seri dubbi”. Dubbi che Schiavello, a margine dell'intervista, ha evidenziato anche rispetto al finanziamento del lotto unico di Trasversale tra Vazzano e Vallelonga, per un importo dichiarato di 128,45 milioni di euro a valere sul Fondo di Sviluppo e Coesione.

“Siamo sicuri che ci siano davvero questi soldi?” la domanda che il presidente ha indirizzato direttamente “sia all'Anas che alla politica”. Le uniche certezze, al momento, riguardano solo i finanziamenti per il superamento del colle Scornari (con fondi dell'Apq Calabria e del Contratto di Programma 2015 per un totale di 14,4 milioni di euro) e per il superamento del cimitero di Vazzano (a valere su fondo unico Anas per 6,42 milioni di euro).

“Il resto è tutto da vedere” ha tuonato Schiavello. Così come “non c'è chiarezza su quando e come verrà ripristinata la ex 110” ha rincarato la dose Pungitore, evidenziando la mancanza di risorse destinate allo scopo da parte di Anas, che ha recentemente riassunto in carico la manutenzione dell'arteria provinciale.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.