Reggina - Catanzaro, un arresto e una denuncia per i tafferugli del dopo partita

Un tifoso arrestato ed un altro denunciato in stato di libertà per vari reati. Questo il bilancio dei tafferugli scoppiati ieri,  al termine del derby calabrese tra Reggina e Catanzaro.

In particolare, durante il deflusso dei tifosi ospiti, lungo un’arteria stradale distante dallo stadio, un gruppo di supporters locali ha atteso il passaggio della tifoseria catanzarese, bersagliandola, fortunatamente senza conseguenze, con pietre e bengala. 

Per l'episodio, gli agenti della questura reggina hanno individuato un ventottenne, che è stato denunciato in stato di libertà, per il reato di lancio di cose pericolose.

Un altro tifoso amaranto è stato, invece, arrestato con l'accusa di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale. 

Il giovane avrebbe preso parte all'azione con la quale un gruppo di tifosi locali ha bloccando il deflusso di alcune autovetture dei sostenitori giallorossi, colpendole con dei calci.

Ad evitare il peggio sono stati gli uomini delle forze dell'ordine che hanno impedito il contatto tra le due tifoserie.

Sono in corso attività finalizzate all’individuazione degli altri responsabili delle intemperanze, anche per l’emissione di DA.SPO. 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.