Tutto pronto per il "Tropea cipolla party"

Lo chef Francesco Mazzei Lo chef Francesco Mazzei

Prenderà il via domani (26 aprile) e proseguirà fino a domenica prossima, la manifestazione “Tropea cipolla Party”, che vedrà protagonista, in qualità di partner ufficiale, il Gal “Terre Vibonesi”, che avrà un proprio spazio e curerà gli eventi di promozione dei prodotti d’eccellenza del territorio, a partire dalla “regina rossa”.

“Obiettivo del Gal – sottolinea il presidente Vitaliano Papillo – è sostenere la promozione delle filiere agroalimentari e artigianali e le produzioni d’eccellenza locali, integrandole con l'offerta turistica e sviluppando forme associative tra enti pubblici e soggetti privati territoriali”.

Durante la tre giorni, alcuni ristoranti selezionati serviranno piatti d’autore nella splendida cornice del centro storico tropeano, nel quale chef internazionali si cimenteranno in esibizioni culinarie dimostrative ed interattive.

Protagonisti dei momenti curati dal Gal, saranno: lo chef Francesco Mazzei, celebre per tre ristoranti di successo aperti a Londra, protagonista di tante trasmissioni televisive della Bbc e ideatore dell’evento “No Waste, cucinare senza spreco”, che da anni utilizza il “made in Calabria” per promuovere i propri piatti e valorizzare la “Dieta mediterranea”, attraverso ingredienti “poveri” e salutari come la cipolla di Tropea e la ‘Nduja di Spilinga; il giovane chef stellato calabrese Antonio Biafora, discendente di seconda generazione da una famiglia di ristoratori di San Giovanni in Fiore, che punta a realizzare il sogno di un locale dove il dialogo cuoco e ospite sia facilitato dal racconto della passione e della curiosità che spingono alla creazione dei piatti legati ai profumi della Calabria; il giovane chef stellato calabrese Nino Rossi, considerato tra i “fautori della ristorazione contemporanea del Sud”, che opera all’interno di “Villa Rossi”, piccolo covo creativo settecentesco di famiglia a Santa Cristina d’Aspromonte, dove porta avanti il suo motto: “Ricordare sempre la cultura del posto in cui viviamo per conservare la nostra identità”.

Un’identità che il Gal “Terre Vibonesi” punta a valorizzare e promuovere in campo locale e internazionale.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.