Omicidio di Fortunata Fortugno, in manette lo zio del presunto omicida

Si aggiunge un ulteriore tassello all'omicidio di Fortunata Fortugno, la donna di 48 anni uccisa a Reggio Calabria lo scorso anno, mentre si trovava in auto con Demetrio Logiudice (54), che nell'agguato rimase ferito.

I poliziotti della squadra mobile reggina hanno, infatti, arrestato Mario Chindemi, 51anni, zio di Paolo Chindemi (29), arrestato nel 2018 perché ritenuto l'esecutore materiale del delitto.

A portare gli investigatori sulle tracce di Mario Chindemi è stata un'impronta digitale rinvenuta sull'auto nella quale si trovavano le vittime al momento dell'agguato.

La prova che inchioderebbe Mario Chindemi è stata trovata in seguito alla comparazione delle impronte digitali effettuata dopo l'arresto, eseguito per altri reati, nell'ambito dell'operazione "De bello Gallico" con l'accusa d'associazione mafiosa e detenzione d'armi da fuoco.

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.