Serra, Tassone: “Il governo dia certezze ai lavoratori ex Lsu/Lpu,”

“Gli incontri tra Regione Calabria e ministeri competenti possono rappresentare un importante momento di confronto, ma, considerando la situazione ed alla luce del troppo tempo trascorso, è ora che si producano risultati concreti”. 
 
Il sindaco di Serra San Bruno, Luigi Tassone, chiede passi in avanti significativi nella consapevolezza che “la vertenza degli ex Lsu/Lpu va risolta con celerità perché i nostri lavoratori meritano di essere trattati con rispetto e devono rappresentare una priorità per un Governo che, purtroppo, sembra porre la questione in secondo piano anteponendo altre questioni”.
 
“Si tratta – sostiene Tassone – di figure che vengono impiegate negli Enti da 23 anni, che hanno acquisito specifiche competenze, che sono divenute fondamentali per l’espletamento dei servizi. Parliamo di circa 4.500 persone, molte delle quali con famiglie a carico, che hanno dedicato parte della loro vita per svolgere delle funzioni essenziali e che, però, ancora vedono il loro destino in bilico. E nell’incertezza non possono programmare il proprio futuro e quello dei propri figli”.
 
“La deputazione parlamentare calabrese – aggiunge Tassone – deve agire con decisione e pretendere quelle risposte tangibili che, finora, sono mancate”.
 
Il primo cittadino chiede, in particolare, al governo di porre in essere “le deroghe ai fabbisogni” e di procedere con “la storicizzazione delle risorse nazionali” in modo da consentire “la risoluzione definitiva della questione con la stabilizzazione dei lavoratori”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.