Minacciava e picchiava la nonna, minorenne finisce in comunità

I  carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare della detenzione in comunità disposta dal Tribunale dei minorenni di Catanzaro, su richiesta della locale procura della Repubblica, nei confronti di un 17enne di Cassano all’Ionio, per i reati di estorsione e lesioni personali aggravate.

Il provvedimento è stato emesso, in virtù delle indagini avviate dai carabinieri della Stazione di Villapiana, in seguito alla denuncia presentata dalla nonna del minorenne.

In particolare, secondo la ricostruzione fatta dagli investigatori, il ragazzo, per quasi due anni, avrebbe minacciato, ricattato e percosso la nonna 67enne che  si era preso cura di lui dopo che i genitori, in seguito alla separazione, avevano rifiutato di tenerlo con loro.

Il minorenne, quindi, avrebbe chiesto ripetutamente alla donna ingenti somme di denaro arrivando, in caso di rifiuto, a minacciarla di morte o a colpirla con degli schiaffi.

 Stessa sorte sarebbe toccata anche al compagno dell’anziana, ogni qualvolta era intervenuto in sua difesa.

Nell’impossibilità di soddisfare l’ultima richiesta di denaro e nel timore di ulteriori ripercussione, la malcapitata ha deciso di rivolgersi ai carabinieri, le cui indagini hanno portato all’emissione della misura cautelare detentiva presso la comunità ministeriale di Catanzaro.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.