Deposito ed abbandono incontrollato di rifiuti speciali, sequestri e denunce

I carabinieri forestale della Stazione di Cosenza, con il supporto degli uomini del Nucleo investigativo di polizia ambientale e forestale di Cosenza e delle Stazioni forestali di Spezzano della Sila, San Pietro in Guarano e Montalto Uffugo, hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo, emesso dal gip del Tribunale di Cosenza, con il quale è stato disposto il sequestro di due autocarri e di una discarica realizzata abusivamente a ridosso del fiume Crati, in località Petrara, a Cosenza.

Durante l'operazione, sono state denunciate due persone ritenute responsabili del reato di attività di gestione non autorizzata di rifiuti speciali.

Denunciati anche quattro imprenditori per deposito ed abbandono incontrollato di rifiuti speciali per essersi avvalsi di persone non autorizzate alla gestione dei rifiuti prodotti nell’ambito delle loro attività di impresa.

I militari sono intervenuti in seguito ad una segnalazione con la quale alcuni cittadini hanno denunciato il continuo abbandono di rifiuti speciali.

Giunti sul posto, i carabinieri forestale hanno individuato un’area di circa 5 mila metri quadrati sulla quale erano stati abbandonati rifiuti speciali, quali scarti di attività edile, parti di veicoli, rifiuti ingombranti, rifiuti elettrici ed elettronici.

Gli uomini dell'Arma hanno quindi avviato le indagini che hanno permesso d'identificare i presunti responsabili dell'abbandono dei rifiuti.

Pertanto, al termine dell'attività d'indagine è stato disposto il sequestro preventivo dell’area adibita a discarica e degli autocarri utilizzati per il trasporto dei rifiuti.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.