Sorpresi a bruciare cavi elettrici, arrestati

Nel corso di un servizio di ordine pubblico presso la nuova Tendopoli ministeriale di San Ferdinando (Rc), i carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro ed i poliziotti del Commissariato della città della Piana, hanno tratto in arresto due cittadini romeni, il 38enne Balog Petru e il 25enne Nica Ionut, colti in flagranza del reato di combustione illecita di rifiuti.

A richiamare l'attenzione delle forze dell'ordine è stata la colonna nera di fumo che si levava dall’area limitrofa all’ex baraccopoli smantellata lo scorso anno.

Giunti sul posto, militari e agenti hanno sorpreso i due cittadini stranieri in procinto di bruciare 26 chili di cavi elettrici, per recuperare il rame contenuto al loro interno.

In seguito all’esito del giudizio direttissimo, i due sono stati sottoposti all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.