Pizzo, lettera aperta degli ex amministratori comunali

Riceviamo e pubblichiamo
 
"Da lunedì 20 gennaio 2020, scaduto il termine di 20 giorni dalle dimissioni del sindaco Gianluca Callipo, come previsto dalla legge la nostra amministrazione non è più in carica in quanto il Consiglio comunale è decaduto automaticamente e sono cessate tutte le cariche politiche. 
Nell’immediatezza di quanto accaduto il 19 dicembre scorso decidemmo, con piena consapevolezza e senso di responsabilità, di non dimetterci. Una scelta ponderata e dettata esclusivamente dalla volontà di non danneggiare la nostra Città interrompendo da un giorno all’altro l’attività amministrativa e le numerose pratiche in itinere, alcune di particolare rilevanza sociale. Sarebbe stato molto più facile chiudere e andare a casa, invece di rimanere così esposti in un momento non certo facile. Invece, grazie anche al sostegno del Dott. Enzo Pagnotta subentrato al dimissionario Pasquale Marino, abbiamo scelto di portare avanti il nostro mandato fino alla scadenza (comunque prematura) che sapevamo sarebbe presto arrivata. Una decisione, quella di rimanere al nostro posto, presa dopo esserci confrontati anche con il Sig. Prefetto, proprio per portare a compimento alcuni atti amministrativi che, qualora non fossero stati adottati, avrebbero messo in seria difficoltà l’Ente e la nostra Città.
Tra gli atti prioritari adottati, la ratifica in Consiglio comunale, fatta giorno 28 dicembre, di una variazione di bilancio di circa 400mila euro, per coprire le somme necessarie all’Ente a garantire, ad esempio, il pagamento degli stipendi dei dipendenti comunali ex Lsu dei mesi di novembre e dicembre 2019; poi l’avvio dei lavori della mensa dell’asilo via Nazionale, la copertura dei costi per la stabilizzazione degli Lsu e le altre assunzioni, previste nel 2020, al fine di sopperire alle carenze di organico dovute ai pensionamenti. Come l’innesto nel personale dell’architetto Nicola Donato, nominato responsabile dell’Ufficio Tecnico e dei Lavori Pubblici, che oggi, da dipendente del Comune di Pizzo, potrà seguire l’iter di accreditamento e la realizzazione degli interventi da oltre 7 milioni di euro che stanno per partire nel nostro territorio. Nella stessa ottica di promozione della crescita socio-economica del territorio napitino va inquadrata la convenzione con il Comune di Cessaniti per la nomina del nuovo responsabile del Settore Urbanistica e del Suap (Ufficio Commercio).
Dal canto suo, anche l’Esecutivo ha varato nell’ultimo mese e mezzo atti importanti, che non sarebbe stato possibile promuovere se ci fossimo dimessi. Come l’approvazione dei lavori di somma urgenza per rimediare ai danni causati dalla tromba d’aria di ottobre; la proroga dei contratti ai Lavoratori Socialmente Utili del Comune, con la rimodulazione della dotazione organica per la successiva contrattualizzazione e stabilizzazione degli stessi. E ancora: la partecipazione al bando finalizzato all’ottenimento del finanziamento per la realizzazione di un porto; la proroga della convenzione con le Guardie Ecozoofile per continuare il controllo ambientale sul territorio; la dichiarazione dello stato di Calamità naturale per le mareggiate del 14 e 23 dicembre e l’atto di indirizzo al responsabile dei Lavori Pubblici per l’utilizzo delle risorse già disponibili per il rifiorimento delle scogliere a difesa del centro abitato e la sistemazione del molo Pizzapundi.
Questi sono fatti, sono concrete e tangibili azioni a favore della Città che in caso di dimissioni improvvise da parte nostra non si sarebbero potute mettere in campo. Siamo restati al nostro posto pur sapendo che nel giro di poche settimane l’esperienza di questa amministrazione sarebbe finita. Lo abbiamo fatto, ribadiamo, esclusivamente per senso di responsabilità, rinnegando ogni forma di opportunismo e andando anche contro il nostro stesso interesse. Leggere invece, come purtroppo ci è capitato, commenti di oppositori politici che insinuavano addirittura che la nostra decisione di continuare fosse animata solo dalla volontà di restare il più a lungo in sella, ha plasticamente confermato che neppure le vicende più dolorose e traumatiche per un’intera comunità fermano le strumentalizzazioni di chi spera di ricavarne un tornaconto politico. Ma alla fine, chi in frangenti come questi pensa solo a speculare, non fa altro che qualificare se stesso per quello che è".

Maria Francesca Pascale
Fabrizio Anello
Giorgia Andolfi
Giacinto Maglia
Sharon Fanello
Cristina Mazzei
Enzo Pagnotta
 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.