Perseguita la ex, misura cautelare per un 28enne

I poliziotti della Questura di Cosenza hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento alla parte offesa e ai luoghi da lei frequentati, emessa dal gip presso il Tribunale di Cosenza, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un uomo, T.M. ventottenne dell’hinterland cosentino, ritenuto responsabile del reato di stalking.

Le indagini, condotte dagli investigatori della 3’ sezione della Squadra mobile, hanno permesso di acclarare le ripetute minacce e violenze psicologiche e fisiche dell’uomo, che non accettava di essere stato lasciato dalla sua compagna.

In una circostanza, il destinatario della misura avrebbe persino inseguito la donna, costringendola a fargli visionare il suo telefono cellulare per verificare con chi intratteneva comunicazioni.

Le reiterate condotte avrebbero provocato alla vittima un grave stato di ansia e di paura ed un fondato timore per la propria incolumità, tanto da costringerla a cambiare le proprie abitudini di vita.

La donna ha infine trovato il coraggio di denunciare gli atti persecutori al personale specializzato della Squadra mobile.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.