Seguici su Facebook

'Ndrangheta, scoperti 101 boss con il reddito di cittadinanza

Sono 101 gli ‘ndranghetisti o presunti tali, ritenuti organici alle maggiori cosche del Reggino, che avrebbero beneficiato del reddito di cittadinanza.

Tra di loro, figurerebbero esponenti, anche di spicco, delle più note famiglie di ‘ndrangheta operanti nella piana di Gioia Tauro o delle potenti ‘ndrine reggine.

Altri invece, sarebbero capibastone delle maggiori cosche della Locride.

È quanto è emerso dall'inchiesta "Mala civitas", condotta dai finanzieri di Reggio Calabria che hanno inizialmente interessato una platea di oltre 500 pregiudicati per reati riferibili ad associazione di stampo mafioso.

L'indagine si è conclusa con la denuncia all’autorità giudiziaria di Reggio Calabria, Locri, Palmi, Vibo Valentia e Verbania di 101 persone richiedenti la percezione delle pubbliche provvidenze e di ulteriori 15 sottoscrittori delle richieste irregolari.

Inoltre, tutti sono stati segnalati all’Inps per l’avvio del procedimento di revoca dei benefici ottenuti, con il conseguente recupero delle somme già elargite che ammontano a circa 516 mila euro.

Nel contempo, sarà interrotta l’erogazione del sussidio che avrebbe altrimenti comportato, fino al termine del periodo di erogazione della misura, un’ulteriore perdita di risorse pubbliche per oltre 470 mila di euro.

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.