I volontari Gea della Fiamma tricolore riqualificano le “Grotte di Tremusa”.

Terminata l’emergenza coronavirus, riprendono le attività del Movimento sociale Fiamma tricolore.

Dotati di mascherina, rispettando le disposizioni legislative, i volontari del Gea (Gruppo ecologico ambientale) della Fiamma tricolore si sono ritrovati ieri a Melia di Scilla (Rc) presso le “Grotte di Tremusa” per attuare la riqualificazione del sito e consegnarlo nuovamente a turisti e visitatori.

Promotore dell’iniziativa, il responsabile del gruppo ecologico della Fiamma Antonio Giordano che ha coordinato i lavori dei volontari che hanno provveduto alla raccolta dei rifiuti e della vegetazione facendo molta attenzione a non intaccare il delicato sito geologico dove è possibile ammirare le meravigliose grotte e vedere affiorare fossili di epoche passate.

Per Giordano infatti “alla luce dell’emergenza sanitaria appena passata e considerato che il turismo quest’anno sarà pressochè di prossimità o comunque un turismo di “nazionali” è necessario che attività come questa si moltiplichino e si proceda al recupero dei tantissimi monumenti e/o luoghi di interesse storico che insistono nella nostra regione. Un’idea lanciata dai Gea – continua il responsabile Giordano - è stata proprio quella di catalogare siti come quello delle Grotte di Tremusa e tantissimi altri siti in modo da farne una guida da distribuire ai turisti”. “In tal modo, se le istituzioni e/o le associazioni si attivassero, si potrebbe creare una importante offerta di lavoro per guide e attività locali. Alla luce di ciò è pertanto necessario – conclude - che tali luoghi si possano rendere e mantenere presentabili ai visitatori”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.