Sequestra una donna disabile chiudendola in una stanza con un lucchetto, arrestato

Gli agenti della polizia di Stato del Commissariato di Bovalino (Rc) hanno dato esecuzione all’ordinanza d'applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal gip del Tribunale di Locri su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un cittadino extracomunitario, U.L., di 45 anni.

L'uomo, beneficiario del progetto Spram Siproimi ed ospite in un centro d'Ardore, è accusato d'aver rinchiuso in una stanza una connazionale disabile.

Intervenuti in seguito ad una segnalazione, i poliziotti, dopo aver constatato che la porta della stanza nella quale si trovava la vittima era stata chiusa dall’esterno con un lucchetto, hanno soccorso la malcapitata attraverso una finestra.

La donna, in seguito alla visita del personale medico, è stata trasferita in una struttura diversa rispetto a quella in cui vive anche  U.L..

Il 45enne, ritenuto dall'autorità giudiziaria "di indole possessiva e prevaricatrice" è stato tratto in arresto "al fine di impedire il verificarsi di ulteriori simili episodi." 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.