Visita del Rotary club di Catanzaro al Museo meridionale della Lambretta

Una tappa che il turista non può mancare di fare in Calabria, in questa estate alla riscoperta dei nostri territori, è sicuramente il Museo meridionale della Lambretta, storico “nonno” degli scooter moderni nato sul finire della seconda guerra mondiale e prima della mitica Vespa, che si trova a Sellia Marina, in provincia di Catanzaro, in località Feudo De Seta, sulla SS106.

L'idea di trasformare una collezione privata nata sul finire degli anni '70 con l'intento di illustrare la bellezza di questo leggero mezzo di trasporto, è stata del parroco di Soveria Simeri don Andrea Bruno che , con una passione senza eguali, ha raccolto nel suo museo moltissimi esemplari di Lambretta, autentici capolavori del motociclismo italiano.

Per celebrare questa passione che ha permesso a tanti curiosi visitatori di conoscere uno dei tanti tasselli del famoso boom economico post bellico italiano, il Rotary Club Catanzaro, presieduto dal dottor Pasquale Placida, sabato scorso ha fatto visita in delegazione a don Andrea Bruno proprio nei locali del Museo meridionale della Lambretta, consegnandogli una targa commemorativa dell'evento, per suggellare la stima che viene riconosciuta al fondatore di questo museo; la visita ha permesso ai numerosi soci del Rotary Club di Catanzaro di conoscere questi autentici tesori, conservati scrupolosamente da don Andrea e da tutti coloro che hanno sposato questo importante progetto culturale. Anche don Andrea, per ricordare l'evento e ringraziare il Rotary Club di Catanzaro della visita istituzionale , ha donato due targhe commemorative, una al sodalizio e l'altra al presidente Placida. In occasione di questo piacevole incontro e della numerosa presenza di soci, il museo ha offerto un aperitivo con prodotti locali, che ha gradevolmente concluso una piacevole quanto istruttiva esperienza conviviale.  

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.