Serra, il prefetto Zito partecipa alla cerimonia di riapertura della scuola "Azaria Tedeschi"

Taglio del nastro, alla presenza del prefetto di Vibo Valentia Francesco Zito, alla scuola “Azaria Tedeschi” di Serra San Bruno che riapre i battenti dopo il lungo - complice l’emergenza coronavirus - intervento di restyling.

Grazie ai lavori, costati 673 mila euro, l’edificio è stato rimesso a nuovo con il consolidamento dei muri, l’adeguamento sismico, la revisione degli impianti elettrico e termico, l’adeguamento antincendio con messa a norma della caldaia, le opere di finitura interna e la tinteggiatura.

L’intervento si concluderà con la sistemazione del cortile, i cui lavori sono in corso d’esecuzione.

All’iniziativa, svoltasi questa mattina, hanno preso parte anche: il commissario ed il sub-commissario al Comune di Serra San Bruno, Salvatore Guerra e Sergio Raimondo; il comandante provinciale dei carabinieri, Bruno Capece; il capitano della Compagnia carabinieri di Serra San Bruno, Marco Di Caprio; il dirigente del locale Commissariato di Polizia, Valerio La Pietra ed il comandante della Polizia locale, Nazzareno Mannella.

A fare gli onori di casa è stato il dirigente scolastico Giovanni Valenzisi che ha ricordato il lavoro “dietro le quinte” svolto “per far emergere i ragazzi, anche grazie ad un meraviglioso corpo docente ed al supporto costante dei collaboratori scolastici”.

In precedenza, i medesimi protagonisti avevano salutato a palazzo Chimirri il personale in servizio nel Comune di Serra San Bruno con il commissario Guerra che ne ha apprezzato “la professionalità e la disponibilità”.

Il prefetto Zito ha invitato a continuare ad impegnarsi per la collettività aggiungendo che talvolta nelle nostre zone “manca la capacità di sedersi tutti attorno ad un tavolo e discutere” per risolvere i problemi.

La visita istituzionale di prefetto e comandante provinciale dei Carabinieri ha interessato anche il Comune di Brognaturo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.