Usa documenti falsi per incassare rimborsi Irpef di altre persone, arrestato

I carabinieri della Stazione di Camigliatello Silano e della Sezione di polizia giudiziaria presso la Procura della Repubblica di Cosenza hanno dato esecuzione ad un’ordinanza d’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, disposta dal gip presso il Tribunale della città bruzia, su richiesta dalla locale Procura della Repubblica, nei confronti di un 43enne accusato di truffa aggravata, sostituzione di persona, uso di atto falso, possesso e fabbricazione di documenti di identificazione.

Il provvedimento giunge in seguito ad un’indagine nel corso della quale i  militari hanno ricostruito un sistema truffaldino, attraverso il quale l’indagato sarebbe riuscito ad impossessarsi dei rimborsi Irpef destinati dall’Agenzia delle Entrate ad altre persone.

L’attività investigativa ha preso il via in seguito a alcune denunce sporte, in tempi diversi, da privati cittadini, che avevano scoperto che i rimborsi Irpef loro dovuti risultavano erogati ed incassati.

Gli investigatori della Sezione di polizia giudiziaria presso la Procura di Cosenza, hanno quindi scoperto che il 43enne, dopo essere venuto in possesso dei mandati di pagamento spettanti alle vittime, era riuscito ad incassarli usando falsi documenti d’identità e false deleghe.

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.