Coronavirus, Italia: ancora alto il rapporto positivi/tamponi, "zona arancione" per 5 regioni

Sono 25.271 i nuovi casi di coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Italia.

Rispetto a ieri ci sono circa 7 mila positivi in meno, ma si tratta di un dato fallace dal momento che i contagi odierni sono stati individuati in seguito all’esame di 147 mila tamponi, contro i 191 mila di ieri.

Pertanto, il rapporto positivi/tamponi è al 17,1 per cento, ben oltre il livello considerato di guardia.

Che la situazione sia tutt’altro che positiva lo conferma il numero dei decessi  (+356) che porta il totale a 41.750.

In isolamento domiciliare ci sono invece 542.849 contagiati.

Situazione sempre più allarmante anche sul fronte dei ricoveri.

In terapia intensiva ci sono infatti 2.749 pazienti (+ 100 rispetto a ieri), mentre nei reparti ordinari ci sono in cura  27.636 persone  (ieri erano 26.440). 

Che la situazione sia esplosiva lo testimoniano le dichiarazioni del direttore del dipartimento Prevenzione del Ministero della Salute, Giovanni Rezza, per il quale "Nei ricoveri ospedalieri notiamo una tendenza all'aumento e soprattutto c'è un incremento per quanto riguarda i ricoveri in terapia intensiva e questa situazione giustifica l'adozione di interventi più restrittivi soprattutto nelle regioni più colpite”.

Non è un caso, infatti, che nelle prossime ore il ministro della Salute Roberto Speranza firmerà un'ordinanza con la quale Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria passeranno in “zona arancione”. 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.